29/12/08

Monaco di baviera e i mercatini di Natale!

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 072

Monaco di baviera è una città dai mille volti, austera e conservatrice ma anche moderna, cosmopolita, allegra e affascinante.

Ma tra i tanti appellativi quello che più amo è questo: la metropoli con il cuore, un cuore grande capace di abbracciare i milioni di turisti che ogni anno la raggiungono, la scoprono e la amano.

Come noi.

Ogni mese è buono per visitare Monaco ma in alcuni periodi questa bella città si veste di un fascino speciale , uno di questi è il Natale.

Il venerdì che precede la Prima Domenica dell'Avvento, una folla si raduna nella splendida Marienplatz, il cuore della città.

Alle 17:00 in punto, il Borgomastro inaugura solennemente il mercatino di Natale, l'albero di Natale di quasi 30 metri risplende di ben 2500 candeline, il profumo del vinbrulè si diffonde nell'aria e le bionde chiome degli angioletti luccicano nelle bancarelle. La magia del Natale pervade questo grande meraviglioso salotto che è la capitale bavarese!!

Abbiamo visitato le favole di Innsbruck, possiamo forse rinunciare alla magia di Monaco?

Parcheggiata l'auto eccoci passeggiare per le strade illuminate, per un attimo mi immagino vista dall'esterno, con quel mezzo sorriso stupito in faccia di quando si è felici, sorpresi, incantati da ciò che ci circonda.

Le bancarelle sono una gioia dei sensi, non solo per quello che vendono ma anche per la loro forma!!

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 064

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 083

Svoltiamo l'angolo e siamo già in Marienplatz e allora lo sguardo si perde, dall'incanto di ciò che ci circonda.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 104

Improvvisamente si sentono i rintocchi di una campana e sembra che il tempo si fermi.

Qualunque cosa stiano facendo coloro che lì si trovano, si fermono come per magia; mio figlio mi chiede sempre di raccontarglielo e a me sembra di narrare la storia della bella addormentata nel Bosco, quando si punge il dito sul fuso.

La sola differenza è che qui ci si ferma ma non ci si addormenta; piuttosto, si rimane incantati dalla musica e i movimenti del Glockenspiel, sulla Torre del meraviglioso Municipio gotico.

32 figure a grandezza quasi naturale, raccontano la storia dell città:

le nozze del Duca Wilhelm V, il Torneo che ne seguì e ancora la Scheffertanz per celebrare, fin dal 1517 la fine dell morte nera, la Peste. Ma anche se molti a questo punto se ne vanno, aspettate, non è finita, il gallo dorato posto alla sommità del carillon sbatte le ali, muove la testa e canta tre volte.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 103

Ancora un giro tra le bancarelle illuminate a festa, colme di decorazioni di ogni tipo, giocattoli di legno, candele, cermiche e ancora focaccine al miele, mele al forno, prugne con le mandorle, salsicciotti di maiale e frittatine di patate riscaldandoci la mani con il tepore della bella tazza ricordo colma della piacevole arome del gluewine.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 079 innsbruck monaco e castello neuschwanstein 108

E poi eccola, cominciamo a intravedere l'austera maestosità della chiesa di Nostra Signora, la Frauenkirche, le cui doppie cupole a bulbo di rame ossidato e la semplicità dei mattoni rossi che rivestono l'immensa struttura sono diventati, assieme alla birra, uno dei simboli della città.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 086

Stelle e ghirlande luminose indicano ai visitatori la via verso la Fiera del Presepe. Fa parte del tradizionale Mercatino di Natale fin dal XVIII secolo ed è quindi un pezzo vero di storia.

Se siete appassionati di presepi non potete perdervelo! Dalla lanterna per la stalla ai doni dei Re Magi: qui si trova proprio tutto ciò che occorre per un presepe che si rispetti. Noi ci lasciamo incantare dalle Piramidi dell'avvento, quei meravigliosi oggetti in legno con le 4 candele che una volta accese fanno girare le piccole pale in legno.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 111

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 109

Il venditore è gentilissimo e facciamo qui la maggior parte dei nostri acquisti, la piramide, le calamite per il frigo che acquistiamo in ogni paese, decorazioni e regali.

Mio figlio fa capolino in mezzo alla folla, con il suo favloso cappello da orso e il gentilissimo bavarese gli regalo un bel pupazzo di neve di feltro che ora, fa bella mostra sul nostro albero di Natale, insieme con gli altri, ognuno con una storia da raccontare.

Dopo un ottimo pranzo e l'immancabile abbuffata di dolci

cheesecake

ci fermiamo davanti alla pista di pattinaggio sul ghiaccio

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 088

e poi proseguiamo per Maximilianstrasse, una delle strade più esclusive di Monaco con i negozi delle grandi firme, e gli alberghi più belli della città. Curiosiamo tra le eleganti vetrine dei negozi, che fanno a gara per avere l'allestimento più sontuoso. E ancora vetrine piene di pupazzi animati che fanno incantare mio figlio.

innsbruck monaco e castello neuschwanstein 081

Non si smetterebbe mai di camminare tanta è la voglia di scoprire le meraviglie che ci attendono dietro ogni strada, ogni angolo ed è la volta dellla maestosa Max-Joseph Platz e il suo ottocentesco e splendido Nationaltheater, che con la sua facciata ricorda un tempio greco.

E' scesa la notte e le luci risplendono più che mai, tutto splende tutto è illuminato. E' l'ora di ripartire ci aspetta un altra soffice nevicata, una serata attorno al camino e ancora domani un nuova Avventura. Varchiamo le soglie della spettacolare Karlstor, la vecchia porta occidentale della città, Alle 21:00 i bovindi ai lati del carillon si illuminano. Una sentinella notturna suona il corno ed un angelo benedice il monachello al suono di una breve ninna nanna. A Monaco si dice che il monachello viene portato a letto, augurando così la Buonanotte alla città.

Ti Auguriamo anche noi Buonanotte, magica Monaco e... arrivederci a presto!!!

Informazioni pratiche

Orario di apertura:

lunedì – venerdì 10.00 – 20.30 sabato 09.00 – 20.30 domenica 10.00 – 19.30 24.12. 09.00 – 14.00 Ogni anno di nuovo:

27.11. – 24.12.2009 26.11. – 24.12.2010 25.11. – 24.12.2011

Leggete anche:

Magica Salisburgo

Mercatini di Natale di Innsbruck

16/12/08

Innsbruck e i Mercatini di Natale

innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 016
C'era una volta un piccolo gioiello incastonato tra le Alpi, una città bellissima che in occasione del Natale si veste di mille luci e colori per regalarci una atmosfera da favola con i suoi incredibili Mercatini di Natale.
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 026
Camminando per le strette stradine affollate, piene di vita e di profumi, tra luci e colori, ad un certo punto vi capiterà di alzare gli occhi e allora le vedrete, loro, le Montagne. Bianchissime come solo il colore della neve può essere, in contrasto con i particolari tetti di ardesia nera delle case coloratissime, tra una guglia e l'altra.
Tutto ciò se ci fermiamo a riflettere proprio lì, sulla strada non può far altro che farci sentire ancora di più immersi in un fantastico libro di Fiabe.

E sono proprio loro, le Fiabe, protagoniste ancora una volta di questi splendidi Mercatini.
Passeggiando per Kiebachgasse e per la vicina Piazza vi potrà infatti capitare di imbattervi in una lunga treccia che scende dalla finestra di una casa. Ma incontrerete non solo Raperonzolo che vi invita a salire ma ancora il Gatto con gli stivali, Biancaneve e i Sette Nevi, Cappuccetto Rosso e sarà divertente giocare a indovinare insieme ai vostri figli (ma non solo), di quale Fiaba si tratta. Aj si è divertito tantissimo!!
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 004
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 033
Attenzione però a cambiare strada perchè lungo il Vicolo dei Giganti vi aspettano enormi fantocci dall'aspetto spaventoso!!!
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 012
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 015
Le pagine di questa bella fiaba si sfogliano veloci, accompagnate di una musica dolce, natalizia che infonde calore al cuore in questa bella ma fredda giornata di Dicembre. Il ritmo è veloce e quasi non si sa dove girare lo sguardo tante sono le cose da vedere.

Ma all'improvviso, in mezzo a quest'aria di festa, si sentono dell grida e un suono di campanelle!! Attenzione Attenzione stanno arrivando i Krampus gli uomini-capra con spaventose maschere in cerca di bambini cattivi!!
Eccoli che trotterellano tra la folla, si muovono così lesti che è difficile immortalarli.
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 022
Aj mi si attacca al collo, devo dire che sono riusciti a spaventare anche lui.
Per fortuna si allontanano, in cerca di qualche altra preda da spaventare e a me non resta che inventare una nuova fiaba per raccontare a Aj dei Krampus in un modo un po' più divertente!!

Devo dire che superato l'impatto iniziale la storia ha funzionato e adesso viene da me ogni tanto ridendo e mi dice: "Mamma non fare la cattiva altrimenti vengono i Krampus a portarti via"!! Lo fa con tenerezza e con un sorriso che viene voglia di stringerlo forte e in fondo un po' di spavento, può anche essere divertente!!
Dopo aver visitato il Christkindlmarkt Altstadt, il mercatino della città vecchia ci dirigiamo con gioia verso la sponda del Fiume; ebbene si , le sorprese a Innsbruck non sono certo finite.

Sono infatti ben 4 i mercatini di Natale di questa splendida città austriaca!!
Il "Christkindlmarkt am Marktplatz" si svolge sulla "Marktplatz", proprio sulla sponda del fiume Inn.
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 006
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 032
Camminando tra le bancarelle di candele, di piccoli e graziosi oggetti in legno e profumatisimi stand di cibo.

Ci troviamo proprio di fronte al fiume a allora ci si può perdere a guardare le case colorate che su questo riflettono la loro immagine tremolante.
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 017

Questo è il mercato chiamato della famiglia ma io preferisco chiamarlo dei bambini. Tante sono infatti le attrattive per far felici i nostri piccoli esploratori:
una grande e bellissima giostra, un piccolo zoo dove si può entrare nei recinti per accarezzare buffe caprette, graziosi pony e dolcissimi coniglietti arruffati.
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 011
E per finire un piccolo teatrino dlle marionette dove ogni giorno alle 15:00 viene proprosto un piccolo spettacolo.
Noi siamo molto fortunati perchè oggi è il 6 Dicembre e perciò siamo in attesa di una visita molto speciale. Ci troviamo tutti lì, grandi e piccini davanti al piccolo teatrino, tutti con la stessa trepidante emozione che a noi grandi fa tornare bambini; si respira quel clima di festa e di gioia per l'attesa di qualcosa di speciale.
Dopo qualche minuto sentiamo le sirene della polizia, beh questo forse non è proprio magico ma che ci volete fare, San Nicola è un personaggio importante!!


Ci buttiamo sulla strada ed eccolo lì, nel suo maestoso abito rosso, con una slitta tirata da magiche renne, è il nostro Babbo Natale.
Soddisfatti faciamo ancora un giro per i mercati incontro al meraviglioso
Goldenes Dachl (il Tettuccio d'Oro) divenuto negli anni simbolo della città.
innsbruck, monaco e castello neuschwanstein 018
Si tratta di un erker sfarzoso il cui tetto venne ricoperto con 2.657 scandole di rame dorate a fuoco e la cui realizzazione venne commissionata dall’imperatore Massimiliano I innamorato di Innsbruck ,intorno al 1500.
I visitatori del Museo possono gettare uno sguardo all'interno dell'erker del Tettuccio d'Oro e vedere il centro storico di Innsbruck addobbato con decorazioni natalizie ed il Mercatino.
Pensate che ogni giorno alle 17.00 i Turmbläser (suonatori di fiati) tengono qui un concerto.
Torniamo felici alla macchina.

Il nostro Albergo, alle pendici del Monte più alto della Germania ci aspetta e lungo la strada già comincia a nevicare. Dopo circa 1 ora e mezza arriviamo a destinazione, tutto è immerso in soffice, candida neve, degna conclusione del primo capitolo di questa meravigliosa fiaba!!
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 050
innsbruck monaco e castello neuschwanstein 063

Per chi desideri recarsi in questo periodo a Innsbruck consiglio vivamente di abbinare alla visita di questa splendida città, in base ai giorni a disposizione una gita a Monaco e al meraviglioso castello di Neuschwanstein. In tal caso l'ideale è trovare un albergo centrale ai punti di interesse.


18/11/08

Parma e il Castello dei burattini

SDC10041

Nel cuore di Parma, tra piazze grandiose, palazzi , chiese, arte e cultura c'è anche un posto un po' speciale; se come abbiamo fatto noi avrete la bontà di andarci sappiate che state per entrare in un mondo diverso, fatto di magia, immaginazione, fantasia; state per entrare nel Castello dei Burattini!!

Ma cosa state aspettando lì sull'ingresso? Presto, chiudete gli occhi, datemi la mano e... seguitemi:

Bene, eccoci dentro, paghiamo il biglietto ed eccoci circondati da decine di vecchi burattini, Arlecchino, Pulcinella, Balanzone;

SDC10035

alcuni ci sono familiari altri meno ma non temete,qui abbiamo la fortuna di poterne conoscere la storia. E' un piccolo Museo e forse se visitate velocemente le cinque sale potreste apparentemente rimanerne delusi. Ho detto apparentemente. Questo è un posto fatto per sognare, immaginare, ascoltare. Eh si perchè fuori dalle sapienti mani dei burattinai queste teste di legno, è vero, non parlano, o almeno sembrano stare in silenzio; ma respirate profondamente, osservateli bene, tendete loro l'orecchio. Sssshhh, non vi sembra che vi stiano dicendo qualcosa?

SDC10036

Non vi ricordano la vostra infanzia o un mondo fatto di sogni, non risvegliano il fanciullo dentro di voi?. Chi, grande o piccino non è rimasto incantato davanti ad uno spettacolo di burattini. Entriamo dentro ad un'altra stanza, ci sono persino dei vecchi pupazzi dei cartoni, quelli che guardavamo noi qualche anno fa. Four, il mitico Uan di P. Bonolis

SDC10039

e i personaggi delle fiabe amate dai nostri piccoli. Io mentre aspettiamo di vedere lo spettacolo, mi sono seduta con mio figlio in braccio, nella sedia posta sapientemente davanti alla teca dei pupazzi e mio figlio ha potuto ascoltare le magiche fiabe davanti ai suoi stessi protagoisti e quando c'era il Lupo è corso per la sala per divertirsi e lasciarsi spaventare da un burattino appeso al soffitto.

SDC10040

E' stato davvero come entrare in una favola. In fondo all'ultima stanza due sedie e un semplice televisore raccontano la storia del teatro d'animazione dei Ferrari, mitica famiglia che il teatro da generazioni possiamo dire con certezza che ce l'ha nel sangue. Dopo averlo visto fate di nuovo un giro nel Museo e tutto vi apparirà con occhi diversi.

Alle 15:30 ci chiamano, entriamo in una porticina, , la Favola delle teste di legno sta per cominciare. Ci sediamo davanti ad un piccolo teatrino, un po' emozionati ma ssshhh, inizia lo spettacolo.

SDC10053

C'era una volta un ombra... Si si , non avete capito male, un ombra. Eh già, perché dovete sapere che i nostri bei burattini di legno, hanno antichissimi e nobili antenati, sparsi un po’ in tutto il mondo. Il teatro delle ombre è solo una delle tante branche di sviluppo del teatro d’animazione. Ed è così che comincia questa storia, proprio con un ombra; un ombra dietro ad un telo bianco, un ombra che si anima con pochi semplici movimenti sufficenti però a farla sembrare magica. ; Ma è solo l'inizio di una lunga e affascinante storia che la Compagnia dei Ferrari si è inventata e che porta per mano gli spettatori, mostrando loro il davanti e il dietro le quinte. Sul “boccascena” del teatrino si avvicendano pupazzetti, semplici sagome attaccate a una cordicella che si muove a ritmo di musica, fantocci dalle buffe e rigide movenze, i pupazzi che muovono la testa e la bocca fino alle bellissime marionette, dalle sontuose vesti, che si spezzano e si ricompongono guidate dall’abilità di chi manovra i fili.

Daniela convoilge il pubblico di adulti e bambini e restiamo tutti incantati e avidi di storie; "Ancora, ancora..." sembrano dire gli occhi del pubblico. Una grande rana verde illuminata dalla magia di una luce sputa coriandoli a forma di cuore sul pubblico, buio, luce, buio, luce, magia.

Aj non perde l'occasione per trasformarsi in un piccolo burattinaio e offre il piccolo braccino per muovere un pupazzo a forma di maialino; apre, chiude la bocca e fa il verso e si emoziona davanti agli applausi del pubblico. Sono così orgogliosa del mio piccolo artista!!!

SDC10061

E per ultimi arrivano i burattini. una carrellata di personaggi familiari, caricature, dialetto, amori, scherzi,comicità pura.

Lo spettacolo è finito,un applauso alla compagnia degli eredi del capostipiteItalo Ferrari, colui che soleva dire parlando dei suoi burattini: "Non sono io che parlo, ma loro che fanno parlare me".

Grazie per le emozioni che ci avete fatto vivere!!

E per finire...

Marionetta, fantoccio, burattino, pupazzo, sapete qual'è la loro differenza? No? beh, un motivo in più per visitare il Castello dei Burattini!!

Informazioni pratiche

Castello dei Burattini

APERTURA

Novembre – Febbraio: aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 9.00 alle 17.00 Marzo – Ottobre: aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 9.00 alle 19.00 Il Museo rimane chiuso il 25 dicembre e l’1 gennaio

BIGLIETTI

Intero: 2,5 Euro

Ridotto: 1,5 Euro: ragazzi fino a 14 anni e adulti oltre i 65, soci Touring Club, soci Bicicard, gruppi di almeno 10 persone, studenti universitari muniti di tesserino

Gratuito: disabili e loro accompagnatori, giornalisti, accompagnatori di gruppi di almeno 10 persone

Lo spettacolo "teste di legno", corollario della visita al Museo è incluso nel prezzo del biglietto, per informazioni sugli orari e i giorni :

Uffici: 0521/218873 Museo: 0521/031631 Fax: 0521/218876

Informazioni: castellodeiburattini@comune.parma.it

28/10/08

Slovenia: il castello di Predjamski e la leggenda del Robin Hood sloveno


Non stupitevi se quando arrivate udite grida di draghi, o l'inquietante suono di catene scivolar fuori dalle acque del Lovka.
Non meravigliatevi, perchè in questo castello da favola  costruito all'interno di una grotta sospesa sul fiume  tutto sembra davvero possibile.
Predjamsky Grad è un capolavoro di ingegneria medioevale a due passi dal confine italiano. Una meta ideale per un weekend, per giocare con la leggenda di Erasmo e vivere un'avventura fantastica insieme ai bambini.

23/10/08

Cosa vedere a Eurochocolate 2008


Eurochocolate 2008 073
Ed eccoci di ritorno, palati soddisfatti dalla ben nota festa perugina, ancora non riusciamo ad "eliminare" tutte le tracce della sottile aroma di cioccolata che ha invaso, colpevoli stecche, barrette, praline e tanto altro, la casa ma credo che con l'aiuto di qualche amico tutto si risolverà presto.

Ma vediamo un po' per chi ancora non la conosce come funziona Eurochocolate. Dunque, arrivati a Perugia è necessario lasciare l'auto in uno dei numerosissimi parcheggi (a pagamento) ai margini del centro, per poi salire nel bel cuore perugino attraverso l'ascensore o la scala mobile. Non appena i vostri nasi faranno capolino nel "cielo" di Perugia verranno immediatamente deliziati dal dolce, inebriante profumo del cibo degli Dei, la cioccolata!!! Centinaia di bancarelle ricoprono infatti i margini delle strade e delle Piazze, alcune dalle forme più curiose, altre più "normali" ma non lasciatevi ingannare! Se vi avvicinate scoprirete infatti un intero mondo di cioccolata!!
Eurochocolate 2008 027

Pile di cioccolata, pinze, cucchiai, aspirine e persino un notebook dalla tastiera di cioccolata!!
Eurochocolate 2008 005
Consiglio vivamente a tutti, prima di fare l'ingresso in questo mondo di delizie l'acquisto della Choco card, in vendita presso tutti gli stand al modico prezzo di 5 euro; oltre infatti a numerosissimi sconti per i vostri
acquisti e non solo, vi offre immediatamente una buona e fresca aranciata e tantissimi e golosi gadget da ritirare nei vari stand della città.

Eurochocolate 2008 009
Eurochocolate 2008 010
DSCF4990

 Direi che anche soltanto per la stecca con la mappa del centro di Perugia ne valga assolutamente la pena, che ne dite?.
DSCF4991

Non voglio rischiare di togliervi la sorpresa di scoprire gli altri "dolci" omaggi, perciò che dire, se volete saperne di più, andateci! Alcuni stand propongono poi durante la giornata giochi o assaggi, nonchè l'irrinunciabile foto con la mitica Mucca (naturalmente di cioccolata) Milka con tanto di "obbligatori" cornini da portare con orgoglio in giro per la città!
Eurochocolate 2008 015

 Non poteva naturlamente mancare un goloso stand per i nostri amici animali con tanto di vastissima scelta in grado di soddisfare anche i palati più difficili!!
Eurochocolate 2008 012

E ancora tornei di scacchi (faccio a meno di ripetere fatti di cosa), chocodama, percorsi olfattivi dove "annusare" le varietà più particolari di cioccolata.
Se come me, ci andate con i bambini non temete di annoiarli, le strade sono animate da pagliacci pronti a "creare" in un minuto per i vostri piccoli spade, collane e corone; preparatevi poi a svaligiare lo stand a loro dedicato con ovetti di Wall-e, Cars, Winx e tutti i personaggi da loro più amati.
Se volete conoscere il programma dettagliato degli avvenimenti visitate il sito ufficiale di eurochocolate.

Ma come nasce Eurochocolate?

"Era il 1982 – racconta Guarducci – avevo 18 anni ed ero con mio fratello gemello a Zurigo a trovare due nostre amiche.
Era un pomeriggio soleggiato e decidemmo di trascorrere la serata a Monaco in occasione dell'Oktober Fest.
Lì mi trovai subito immerso in un clima di grande festa. Tutto ruotava attorno alla Birra e c'erano migliaia di persone felici di vivere l'evento in Città e non in un ambiente fieristico.
Ad una certa ora decidemmo di spostarci per trovare un albergo fuori Monaco, ma nonostante tanti tentativi non trovammo nulla e fummo costretti, alle quattro di mattina, a dormire in auto! Il sonno non fu facile….
e così mi venne in mente di creare nella mia città qualcosa di simile a ciò che avevo visto a Monaco, utilizzando come attrattore non la birra ma il cioccolato! Dodici anni dopo il sogno diventò realtà."
Curiosità:

E il cioccolato?

Una leggenda narra che, molti secoli or sono, una principessa, lasciata a guardia delle ricchezze dello sposo, un grande guerriero partito a difendere i confini dell'impero, venne assalita dai nemici che, invano, tentarono di costringerla a rivelare l'ubicazione del tesoro. Per vendetta venne uccisa e, dal sangue versato dalla fedele sposa, nacque la pianta del cacao, il cui frutto nasconde un tesoro di semi, "...amari come le sofferenze dell'amore, forti come la virtù, lievemente arrossati come il sangue".Con questi frutti, il marito Quetzalcoàtl ("Serpente Piumato") volle riconoscere ed esaltare la fedeltà pagata con la morte, dell'amatissima moglie. La stessa fedeltà che, nell'immenso impero azteco, legava i sudditi all'imperatore.
Il vedovo Quetzalcoatl, ammalato e sofferente per la terribile perdita, un giorno bevve una pozione magica offertagli da uno stregone che invece di guarirlo lo portò a smarrire completamente il senno.Si narra che il povero re fuggì verso il mare, dove trovò una zattera di serpenti aggrovigliati e si allontanò scomparendo misteriosamente. Ma prima di abbandonare quel mondo, Quetzalcoàtl promise che avrebbe fatto ritorno per riprendersi il suo regno, nell'anno posto sotto il segno del Ce-acatl.

Il seme dell'albero di cacao fu chiamato, in suo onore, dapprima cacahualt e poi chocolatl.Secoli più tardi, nel 1519, anno sotto il segno del "Ce-acatl", una grande nave carica di uomini con scintillanti armature come scaglie di serpente ed elmetti piumati, fece la sua comparsa vicino alla costa orientale del regno azteco. Immediatamente l'imperatore Montezuma credette alla profezia ed accolse pacificamente quella nave pronto a restituire il regno al Dio Quetzalcoàtl. Sul battello però non vi era il Dio azteco ma un conquistatore spagnolo: Hernàn Cortès. (Se volete saperne di più cliccate qui)
Eurochocolate 2008 034

13/10/08

Bolzano, la grande festa della zucca!!

Bolzano Festa della zucca! 053

Corte e lunghe, sottili e tonde, grandi e piccole, panciute e piatte, colorate, lisce e porose, a strisce, a spicchi, a pois, ognuna una piccola opera d'arte. tutte insieme ne fanno un evento da non perdere: la grande Festa della Zucca di Bolzano!! Appena giunti nella bella Piazza Walther lo sguardo si perde, la fantasia si scatena alla vista delle centinaia, migliaie di zucche che fanno bella mostra sotto la statua del poeta tirolese che osserva divertito dall'alto il brioso stupore dei visitatori. Giardinieri, fioristi,

Bolzano Festa della zucca! 067

artisti e cuochi hanno creato come per magia fantastiche sculture di a base di zucca su cui non possiamo che incantarci stupiti e deliziati.

Bolzano Festa della zucca! 013

Bolzano Festa della zucca! 011

Bolzano Festa della zucca! 009

Mio figlio che adora tutto ciò che con Halloween può avere a che fare non sta più nella pelle, corre in qua e là, ridendo, scherzando e tornando da noi con piccole zucche arancioni colte nel mare di zucca. All'ombra del fantastico Duomo, camminiamo curiosando tra una bancarella e l'altra, tra uno

Bolzano Festa della zucca! 068

stand e una magnifica rappresentazione di animali zuccosi.. La festa prevede lo svolgersi di

Bolzano Festa della zucca! 061

numerosi eventi: lo spettacolo di abili scultori che da una zucca riescono a creare qualunque cosa, laboratori per bambini e naturalmente l'olimpiadi della zucca, una gara per la zucca più grande e pesante!! Oggi 12 ottobre c'èla premizione e proprio in Piazza fanno bella mostra 3 enormi zucche. Volete sapere qual'è ha vinto? Beh, uno splendido esmplare di ben 252

Bolzano Festa della zucca! 006

chili!!!!Non poteva mancare l'angolo per i bambini e Aj sceglie con gioia la sua zucca da

trasformare. due paurosi

Bolzano Festa della zucca! 033

Bolzano Festa della zucca! 035

Bolzano Festa della zucca! 031

occhi neri, un bel naso a triangolo, una bocca mostruosa ed eccoci pronti a spolpare la nostra scultura, con l'aiuto delle mani esperte di animatoiri-spolpatori. Non solo l'occhio, ma anche la gola ha la sua parte, perciò per placare la curiosità dei golosi poi, numerosi locali e ristoranti propongono le ricette più strane, dolci e salate, naturalmente a base di zucca. nella stessa Piazza Walther, sotto il caldo sole di questa splendida giornata il Ristorante Forsterbrau ha allestito tavoli in legno dove gustare circondati dai colori meravigliosi di cui la Piazza è interamente ricoperta gustose ricette di zucca. Ed è qui che naturalmenet pranziamo, in questa atnosfera di festa e di gioia. Seduta sulla sedia di legno, davanti all'emblema della città di Bolzano, circondata da coloratrissime zucche, tra le risate di mio figlio palesamente felice e lo sguardo innamorato di mio marito non posso non provare un senso di felicità infinita. Qualche idea del Menù? eccovi accontentati:

- Speck dell'alto adige a tavoletta con formaggio di montagna e zucca marinata,

Bolzano Festa della zucca! 046

-crema di zucca con olio e semi di zucca,

- lasagne alla zucca fatte in casa con speck e semi di zucca arrostiti (semplicemente meravigliose!!)

Bolzano Festa della zucca! 047

-Ravioli alla zucca con amaretti e burro

-Brezel con semi di zucca.

La festa della zucca è cominciata il 3 ottobre e finita con successo ieri, che dire, l'anno prossimo non lasciatevi sfuggire questo "polposo" evento!! Nel frattempo numerose città d'Italia propongono Sagre e feste dedicate alla zucca, naturalmente se ci andate, fatemi sapere!!

Mantova, 8 Sett-8 Dic: Di Zucca in Zucca

Nelle corti contadine che aderiscono all'iniziativa sono allestite mostre di zucche alimentari ed ornamentali e di prodotti ottenuti da questo ortaggio, oltre ai laboratori di scultura vegetale

Salzano (Ve), dal 21 al 23 Ott e dal 28 Ott al 1 Nov: 12ª Festa della Zucca

Oltre all'incoronazione del "Re della zucca", la manifestazione prevede degustazioni gastronomiche di specialità alla zucca e un concorso per il miglior intagliatore

Ostellato (Fe), a Novembre: A tavola con la zucca

I cuochi dei ristoranti locali si fanno in quattro per eseguire le infinite varianti culinarie che prevedono l'impiego della zucca. Ogni week end di novembre

ottobre 12/10/2008 19/10/2008 Lombardia Gavirate (VA) FESTA DELLA ZUCCA Le domeniche - Esposizione di zucche, le più grosse, le più strane, le più lunghe. Trattori d’epoca, vecchi attrezzi da contadino, da apicoltore e viticoltore. Decorazioni e sculture su zucca, mostra micologica a cura del Gruppo Cral Whirlpool. - Info 0332.744707 E.mail Programma


ottobre 19/10/2008 Piemonte Brandizzo (TO) SAGRA DELLA ZUCCA La prima edizione della sagra della zucca risale al 1998, ed in seguito è diventata il cavallo di battaglia dell'associazione e una sorta di tratto distintivo per il paese. - Associazione Brandizzo Arte e Cultura - Info 335 5384305 E.mail Programma


ottobre 19/10/2008 Friuli Venezia Giulia Fagagna (UD) FESTA DELLA ZUCCA Inco Comune di Fagagna


ottobre 19/10/2008 Lombardia Agra (VA) SAGRA DELLA ZUCCA Terza domenica. Zucche e castagne sono le protagoniste della manifestazione con degustazioni e momenti musicali. - Info 333.4340117 - 0332.573064 Pro Loco


ottobre 24/10/2008 25/10/2008 Friuli Venezia Giulia Cordenons (PN) "FIESTA DE LI SUCIS" & FESTA DELLE ZUCCHE Quarta domenica. - Organizzazione: Progetto Giovani. Informazioni: tel. 0434.932950-581104


ottobre 24/10/2008 26/10/2008 Veneto Isola Della Scala (VR) 5ª FESTA DELLA ZUCCA Ente Fiera - Info 045.7300089


ottobre-novembre 24/10/2008 02/11/2008 Veneto Salzano (VE) FESTA DELLA ZUCCA Concorso e mostra delle zucche, mostra rtigianato locale - Informazioni: tel. 041.5745375 Pro Loco Stand gastronomico con specialità a base di zucca (Risotto di zucca, Tortelli di zucca, Penne e gnocchi al sugo di zucca. Festa di Halloween. Serate con orchestra. - Cortile interno Villa Municipale. Organizzazione: Pro Loco. Informazioni: 0415745078


ottobre 25/10/2008 26/10/2008 Friuli Venezia Giulia Venzone (UD) FESTA DELLA ZUCCA Quarta domenica. Una suggestiva festa medievale durante la quale vengono premiate le zucche. La domenica, dopo l'elezione dell'Arciduca della Zucca, rivivono le atmosfere del Quattrocento. Le bancarelle nei vicoli e le taverne propongono pietanze e dolci a base di zucca, vini e piatti medievali. - Informazioni: tel. 0432.985034 Pro Loco


ottobre 31/10/2008 Friuli Venezia Giulia Buttrio (UD) FESTA DELLA ZUCCA “Fieste de Musatis” - Festa delle Zucche Pomeriggio di festa sotto il tendone per preparare ed intagliare le zucche, mentre alla sera sfilata notturna a lume di candela attraverso le vie del paese fino al Piazzale Fiera dove si festeggerà con musica e giochi per tutti. Seguiranno le premiazioni delle zucche e la distribuzione di castagne e bevande calde. Pro Loco


novembre 08/11/2008 16/11/2008 Liguria Genova (GE) Loc. Murta 22ª FESTA DELLA ZUCCA Si svolge il sabato e la domenica. Mostra "dall'A alla zucca". Gastronomia, folclore, stand gastronomici, esposizione delle zucche più belle. - Info 010.7408578


novembre 09/11/2008 Valle D'Aosta Capistrello (AO) Loc. Fonte Matteo FESTA DELLA COCOCCIA Seconda domenica. Dalle ore 18.30 sarà possibile degustare polenta, salsicce, castagne e buon vino novello. Il tutto sarà allietato dalla musica e da animatori per i più piccoli. Durante la serata verranno premiate le cococce (le zucche) decorate più belle ed originali. Uno stand dell'Avis sarà a disposizione per informazioni e prenotazioni alla donazione di sangue. - Informazioni: tel. 086.3530969


Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin