31/12/11

Une bonne et heureuse année

Une Bonne et Heureuse Année . Roch Carrier, Gilles Pelletier (anche in inglese)
La casa è piena di odori buoni e deliziose pietanze da gustare. 
Il profumo del vino di ciliegie preparato dalla Nonna mesi prima invade la cucina e i bambini si nascondono sotto i mucchi di cappotti di amici e parenti. Siamo nel 1940, nell'unico giorno dell'anno in cui si poteva veramente festeggiare...

Sono i meravigliosi ricordi del piccolo Roch, di quando aveva quattro anni e viveva a St. Justine, un piccolo villaggio poco lontano dal confine del Maine.
Fuori il freddo dell'inverno, dentro il calore di una famiglia.
Un libro pieno di magia, di memorie, di gratitudine per quei momenti del passato, quelle tradizioni che fanno da collante alle nostre vite, che uniscono le storie presenti con le esperienza passate.  
Uno straordinario album illustrato con cui desidero augurarvi Buon Anno, che sia  ricco di momenti e tradizioni tutte vostri, da costruire giorno dopo giorno insieme alle persone che amate...

29/12/11

Gioco Giveaway Creativamente. Incredibile Dixit



 Di solito era Sabato sera ma non di rado capitava anche durante la settimana.
I grandi finivano di sparecchiare e io li aspettavo in salotto, la tovaglia verde sul tavolo e qualche biscotto da sgranocchiare per gli ospiti.
E mentre il rumore dei piatti si confondeva con il brontolio della macchinetta da caffè sistemavo il tabellone al centro, distribuivo carte e pedine, ponevo i dadi da un lato orgogliosa del ruolo che mi era stato affidato.

Adoravo quelle serate trascorse a giocare con la famiglia e con gli amici. Quando tra un tiro di dado e l’altro si faceva mezzanotte senza neanche accorgersene. Tutti insieme intorno ad un tavolo, dimenticando la televisione, scherzando, ridendo, passando del tempo di qualità.

Oggi da Mamma continuo a credere nell’importanza di attimi come questi.

Una famiglia, un tavolo, un gioco di società...


E non è forse questo il periodo dell'anno ideale per giocare? In montagna intorno ad un camino acceso mentre fuori nevica, a casa di sera fino a tardi, lontani dagli orari imposti dalla scuola. In un qualunque pomeriggio piovoso, per l'ultimo giorno dell'anno aspettando la mezzanotte insieme agli amici più cari e perchè no, qui sul blog di una Mammagiramondo...

28/12/11

Vacanze sulla neve.

Ortisei, Dicembre 2010
C'è solo una cosa che può far apparire il Natale ancora più magico di quello che è.
La neve...
Di fuori, di neve era tutto un candoreA cui dava la luna un acceso splendore.Poi mi apparve una slitta gremita di strenneTirata da otto minuscole renne.La guidava un vecchietto dall'aria gioviale: Non c'era alcun dubbio, era Babbo Nataleda La notte di Natale di C. Moore
Quella che in principio ti lascia senza fiato, quella che ti incanta e fa venire voglia di cantare, quella che fa battere forte i piedi in terra per sentire il suono croccante di quella musica inconfondibile, quella su cui scivolare, quella da sbirciare al calduccio dietro la finestra, quella che decora ogni cosa su cui posa, che la sa rendere più bella e magica di ogni altro ornamento.La neve che copre i semi che sognano sotto di lei, che congela la natura e la protegge... 
Questo Natale purtroppo invece della neve ci ha regalato un' influenza con i fiocchi ma contiamo di cominciare il nuovo anno (presto tutti i dettagli della nuova avventura) scivolando tra discese imbiancate, facendo buffi pupazzi di neve, merende in igloo e ciaspolate al tramonto.
Nel frattempo vi lascio con un nuovo post su Piccolini che parla di neve e di tutte le cose divertenti che si possono fare in montagna.
Ancora Tanti Auguri di Buone Feste a tutti voi e non perdetevi domani l'ultimo gioco-giveaway di questo straordinario 2011.

19/12/11

Biscotti di natale dal mondo. Il librino


Et voilà.
Presa dai milioni di meravigliose attività che si accavallano in questo straordinario periodo dell'anno, per un attimo ho creduto  di non fare in tempo a pubblicare le vostre bellissime ricette prima di Natale.
E invece eccole qua, molto in ritardo e formattate malissimo (scusate provvederò prima o poi...) ma ci sono.
Così, se ancora non avete trovato nessuna idea per quella vecchia zia golosa, l'amico arrivato all'improvviso da New York o semplicemente avete ancora voglia di sentire quel profumo unico in giro per casa magari trovate l'ispirazione proprio qui, in questo libriccino fatto con le vostre ricette, dalla Romagna alla Campania, da Israele, alla Svizzera.
Ricette che profumano di ricordi e di Natale, di tradizioni vecchie e nuove, prese da una rivista, scovate su un blog o tramandate dalla nonna...





E tra una corsa e l'altra ricordatevi anche di fermarvi, che il Natale è soprattutto il tempo per stare insieme alla famiglia, magari, tutti insieme in cucina come un tempo a raccontare storie e cucinare biscotti....

Buon Natale a tutti!



15/12/11

Hanako Origami Christmas tag


Giusto il tempo di raggiungere downtown, un tempo fatto di chiacchiere, risate e  confronti culturali.
Poi Hanako è tornata a Niigata, dopo ben due mesi che prendevamo ogni giorno la metro insieme.
E nonostante il nostro rapporto si limitasse a quei venti minuti a bordo della Q line Brooklyn- Manhattan devo ammettere che mi è dispiaciuto molto.
Prima di partire però, tra Atlantic Avenue e 14 Street siamo riuscite a scambiarci l'indirizzo e per un po' di tempo ci siamo mandate  Auguri e regali.
I suoi erano sempre deliziosi, curati in ogni minimo dettaglio e decorati da bellissimi origami.

12/12/11

Gli anni folli. La Parigi di Modigliani, Picasso e Dalì a misura di bambino



Siamo nei primi anni venti.
La guerra  è  finita da poco e un vento nuovo  soffia sulla ville lumiere. C'è fermento di idee, voglia di ballare, di incontrarsi, di reinventare un nuovo modo di vivere, libero, lontano dai dispiaceri e dalle amarezze, folle...
Da ogni parte del mondo artisti, musicisti, fotografi, scrittori accorrono a Parigi spinti da quel vento magico. Si incontrano ai tavolini dei caffè di quel quartiere dai vicoletti fioriti per condividere la propria immaginazione, quella irresistibile voglia di esprimersi attraverso la magia dell'arte.
Voi riuscite a immaginarlo?

Gli anni folli narra proprio quella Parigi caratterizzata da una straordinaria energia creativa. Un caleidoscopio di stili diversi ma accomunati dal desiderio di conquistare una nuova armonia, ripartire da zero e dar vita ad un'arte completamente inedita....

07/12/11

I mercatini di Natale per bambini a Innsbruck, Monaco e Norimberga


L'aroma dei Lebzelten che da secoli si espande tra  una Straßen e un Gasse si mescola a quello del kletzenbrot austriaco quel pane speciale che i contadini preparavano  dopo aver fatto seccare le pere per poterle conservare anche durante l'inverno. 
I LebKuchen decorati in mille modi diversi decorano le casette tedesche appesi a fili e nastri colorati che dondolando diffondono intorno l'odore delle spezie.
Sono profumi di Natale che fanno parte di tradizioni vecchie di secoli e che è bello scoprire e riscoprire con i propri bambini. 

05/12/11

KinderWeinachten, il Natale dei bambini


Una mirabolante diffusione di luci radiose, un intenso effluvio di deliziose arome zuccherine, colori, note, suggestioni, sorrisi che si diffondono  ovunque tra stupefacenti architetture che paiono felici di vigilare dall'alto.
Il sontuoso  Goldenes Dachl a Innsbruck, lo stupefacente Neues Rathaus a Monaco, la gotica Frauenkirche nella Piazza del mercato di Norimberga.
E' quasi troppo da vivere in un solo momento, quando il cielo si  scolora  le luci accendono la città e ogni cosa si tinge di magia.

30/11/11

Natale in Australia.



Nonostante la mia giornata sia cominciata alle 5.30 di questa mattina non credo che le prossime ore saranno sufficienti per fare ancora tutto quello che devo, prima della partenza. 
Ma va bene così, ormai lo sapete che sono  quella che si riduce sempre all'ultimo minuto, che ama riempire questo giorno sensibile fino a che non trabocca di mille suoni, impegni, sensazioni,  adrenalina e corse pazze.
La sua valigia è piena di soffici maglioncini invernali, camice a quadretti, pantaloni di velluto,  sciarpe di lana e  cappelli  che sfiorano due libri nuovi (questo e questo) da leggere in auto attraverso le grandi autostrade tedesche.
E poi la sera in Hotel per continuare a vivere  quell'atmosfera così magica avvolti dentro ad un piumone caldo
E a proposito di atmosfere da sogno mentre continuo con i preparativi per il viaggio vi lascio con un racconto favoloso, il secondo di questa  sezione tutta nuova che parla di  emozioni e scoperte, consigli e suggerimenti, piccoli e grandi viaggi. I vostri, quelli che sono troppo belli per non essere raccontati...

Natale Down Under 

Protagonisti: Tommaso, Emma
Età: 6 anni , 10 mesi
Destinazione: Australia
In viaggio con: Mamma e Papà
Consiglieresti questo viaggio?: Si
Punti chiave: uno straordinario viaggio che dimostra come viaggiare con i più piccoli sia possibile anche dall'altra parte del globo e un favoloso tuffo nelle insolite tradizioni natalizie australiane.

Scritto da Raffaella C.

29/11/11

Giveaway Ecogiochiamo

In America la chiamano Indian Summer,quando l'estate ha un ultimo sussulto e le foglie si tingono di mille sfumature. E' tempo di Natale eppure i raggi del sole riscaldano e  i bambini della neve dormono ancora. C'è tanta voglia di stare fuori,  a correre, giocare con le foglie e osservare gli straordinari cambiamenti della natura.
Ieri abbiamo portato con noi i nostri nuovi playsilk, straordinari teli di seta che si prestano a mille giochi di immaginazione.

28/11/11

It's beginning to look a lot like Christmas


It's beginning to look a lot like Christmas recita un intramontabile classico scritto da Meredith Wilson nel 1951
Eh si, l'aria di festa si è insinuata ufficialmente nelle case, scivolando dentro le vetrine, lungo le strade e sui tetti fino ad avvolgere con la sua magia paesi e città.
Alle 17:00 in punto di Venerdì scorso il Borgomastro di Monaco ha inaugurato  lo straordinario mercato di Marienplatz e nel fine settimana decine di bancarelle traboccanti di ogni genere di meraviglia hanno invaso tante piazze italiane.
Manca solo la neve...

25/11/11

Libri di Natale per bambini. Seconda parte

 

E' stupefacente come il sottile tintinnare di una campanella possa essere  straordinariamente speciale.
Un attimo prima il silenzio, il respiro lento per non far rumore, il leggero fruscio delle lenzuola e poi quel suono, lieve, unico, magico ad interrompere l'attesa.
Il viso si distende, gli occhi si illuminano, il cuore si scalda.
E' arrivato...

23/11/11

Echi natalizi, giveaway e sconti




Oh si, finalmente si entra in quello scintillante periodo dell'anno.
Quello in cui le giornate si accorciano ma il buio risplende di mille luci.
Delle vetrine addobbate, dei primi balconi lucenti, delle candele accese anche all'ora del tè.
I libri di un certo scaffale(domani la seconda parte) scivolano fuori e conquistano ogni angolo della casa , le scatole di latta traboccano di cosmopoliti sapori, il profumo dello zenzero e cannella fugge dalla cucina danzando di stanza in stanza.
E' tempo di leggere di neve, elfi e renne volanti, quello di impreziosire il nido, sedersi  la sera attorno ad un tavolo a giocare  sgranocchiando un biscotto o una fetta di torta. Il tempo di coccolarsi e avvolgersi in una sciarpa calda per andare insieme alla scoperta del mondo. Un mondo tutto nuovo perchè questo è il periodo dell'anno in cui ogni cosa si illumina di magia.


E a proposito di viaggiare questo è anche il tempo di  nominare il vincitore del Giveaway In viaggio con Leo...

22/11/11

Riserva Africana di Sigean

 
Un trionfo di colori.
Una naturale sinfonia cromatica  che attraversa il giallo della sabbia come le spine di un grano maturo. Il beige e l'ocra della rena fresca,  il grigio delle rocce, il verde che si perde nell'azzurro del cielo.
Procediamo lentamente con le ruote che scivolano su una striscia d'asfalto mentre i nasi  sono già  incollati al vetro del finestrino.
Solo pochi metri e non siamo più soli.

18/11/11

Giochi da viaggio:Travel Activity Bags


Occupano pochissimo spazio e sono perfette per intrattenere i bambini durante il viaggio.
Bastano un po' di borsette trasparenti e qualche idea semplice ma di sicuro effetto.
Sono le activity bags, da tirare fuori al ristorante, in aereo, in treno e in tutti quei momenti in cui il tempo sembra non passare mai. 
Per sorprendere i nostri figli come delle vere Mary Poppins...

17/11/11

Cronache di un bulbo di zafferano manchego


Tutto è iniziato là.
Un caldo Settembre come tanti. Noi, la Mancha, i giganti e la Señora Carlota.
Ma questa storia, in parte,  ve l'ho già raccontata.
Oggi vorrei rivelarvene un'altra che parla di magia e di emozioni, di natura e di cose piccole eppure enormemente grandi.

16/11/11

Giochi da viaggio:Lego travel set

Devo ammetterlo. 
Nonostante i trentaquattro anni compiuti continuo ad essere eternamente innamorata dei balocchi.
Quando entro in un negozio di giocattoli come quello di cui vi accennavo Lunedì mi si illuminano gli occhi, il cuore batte forte e mi sento come Charlie Bucket quando entra per la prima volta nella fabbrica di cioccolata.

Ovviamente non mi piacciono tutti i giocattoli.
Amo  quelli che lusingano la creatività e l'immaginazione piuttosto che ingannarla.
E tra questi ci metto anche i lego.
Più che le confezioni con le istruzioni da seguire quelle fatte semplicemente di cubetti più o meno grandi, ruote, finestre, mattoncini che invitano ad un gioco di incastri e sovrapposizioni dettate dalla fantasia.
Un paio di mesi fa di ritorno da Legoland abbiamo aperto le decine di confezioni che invadono gli scaffali della camera di Aj e  li abbiamo mescolati.
Tutti.
E la giornata è passata a costruire torri e palazzi, case e musei come avrebbe fatto il caro Ignacious che lui si che di costruzioni se ne intendeva.
Comunque qualche giorno fa mi è balenata questa idea e stamani mattina   mi sono messa all'opera.

14/11/11

Autunno a Ferrara


Quanto mi piace questo viaggio incontro all'Autunno.
Alla scoperta di borghi e campagne, colline e montagne che si preparano al cambiamento.
Colori, sapori, impressioni, magie che mutano di regione in regione.
Il miracolo è in apparenza lo stesso: quello delle foglie che invadono le strade, che crocchiano, frusciano, fremono, bisbigliano, eppure è tutto diverso. 

11/11/11

Biscotti di Natale dal mondo:Spitzbuben


Five little cookies in the bakery shop.
Shining bright with the sugar on top
Along comes Sarah with a nickel to pay.
She buys a cookie and takes it away.
Mettevo i naughty boys uno accanto all'altro sopra il piatto e poi cominciavo a recitare la mia parte mentre lei,  sempre contenta di fare questo gioco con me, afferrava uno ad uno i biscotti che sparivano velocemente in quella bocca tutta sporca di zucchero a velo.
A volte mi viene da domandarmi se si  ricorda ancora quindici anni dopo. Di quella ragazza italiana che ha vissuto nella sua grande casa di Brooklyn per un po'. Che qualche volta di giorno giocava con lei e la sera usciva per immergersi nel buio della grande mela, che poi con tutte quelle luci buio non è mai.
Mi salutava con quella sua vocina sottile e poi si alzava in punta di piedi per darmi un bacino e mi faceva sempre la stessa domanda.

09/11/11

Giveaway In viaggio con Leo.

Quando il viaggio non rientra nella normale routine familiare, spesso può capitare che un lungo tragitto in auto diventi calamita per noia e capricci.
Dal classico quanto manca ripetuto ad intervalli regolari  fino ai pianti inconsolabili dei più piccoli.
E per ogni bambino irrequieto c'è una famiglia preoccupata.
Qualche volta la soluzione arriva grazie a giochi e strategemmi, snacks, canzoni e passatempi capaci di tener occupati i piccoli viaggiatori fino all'arrivo a destinazione.
E un bambino soddisfatto è senza ombra di dubbio il fausto preludio di un  piacevole viaggio.
Ecco quindi che quando Chiara mi ha scritto per presentarmi In viaggio con Leo sono rimasta da subito entusiasta. 
La prima boutique italiana online ad offrire prodotti e accessori di puericultura indispensabili per affrontare in tranquillità qualsiasi "viaggio" con i bambini. In macchina, in aereo in bicicletta, per andare in vacanza ma anche semplicemente a fare la spesa al supermercato.
Chiacchierando sono venute fuori un sacco di cose in comune, l'amore per i viaggi e per i giochi, un figlio maschio e... il fatto di abitare a pochi chilometri di distanza!
E così davanti ad un cappuccino e un budino di riso è nata l'idea di questo giveaway.

07/11/11

Libri di Natale per bambini


Una delle cose più preziose che mi ha insegnato Nonnagiramondo è il gioco della felicità.
E' un po' come il "just being glad"game magistralmente raccontato da Eleonor Porter, un invito a vivere i piccoli grandi ostacoli della vita cercando il lato positivo e ridimensionando i problemi alla luce delle disgrazie, quelle vere.
Il babbo disse ai signori delle missioni se per favore potevano mandarci una piccola bambola di seconda mano. Quelli però sbagliarono e quando arrivò il pacco dall’Europa al posto della bambola trovammo un paio di stampelle. Certo, io rimasi piuttosto delusa, ma il babbo inventò il gioco della felicità. […] Disse: “Non ci rattristiamo, piccola, cerchiamo di trovare un motivo per essere allegri” e così nacque il gioco della felicità. […]

Santo cielo,non vedo quale felicità possa esserci in un paio di stampelle!
Pollyanna battè le mani: Altroché, la felicità di non doverle usare!
Credo che cercare di trovare la felicità sia qualcosa che si debba alla vita, a cominciare dall'apprezzare il fatto di avere una famiglia, stare bene, essere insieme. 
Godendo delle piccole gioie che si celano dietro a giorni apparentemente banali eppure così preziosi.
Come ieri.
Con quello che sta succedendo in Italia abbiamo deciso di non partire per  il weekend.

04/11/11

Viaggiare è (anche) il mio peccato: A Palermo con una bimba di sei mesi.


Dunque ci siamo. Mi sento un po' emozionata  ad inaugurare la nuova sezione Viaggiare è (anche) il mio peccato con il primo dei vostri bellissimi racconti di viaggio.
Ancora un piccolo  passo avanti per questo blog che cresce ogni giorno insieme a voi e che da oggi si arricchirà anche delle vostre esperienze.
Perchè lo ripeto, sono troppo belle per non essere raccontatetroppo utili per non essere condivise...





Protagonista: Michelle
Età:   6 mesi
Destinazione: Palermo
In viaggio con: Mamma e Papà
Consiglieresti questo viaggio?: Si
Punti chiave del racconto: ottimi consigli organizzativi per chi viaggi con i bambini piccoli.
Scritto da: Bruna di  Voglio credere nei miei sogni



03/11/11

A Fun Halloween

Un Halloween davvero bizzarro quello di quest'anno.
Ospiti del Fun Hotel Montemezzi abbiamo cenato in compagnia di mostri, scheletri e fantasmi mentre la Strega Amelia Fondidibottiglia raccontava storie e aneddoti da brivido.
E tra una tagliatella con salsa al brivido e un cosciotto del fantasma strani personaggi comparivano improvvisamente in sala per colpire vittime ignare con ogni sorta di scherzo.
A me è toccato un dessert, come dire, davvero  particolare...

02/11/11

Autunno in Valpolicella

 
C'è un 'altra meta che dobbiamo assolutamente aggiungere alla lista dei luoghi dove ammirare lo straordinario fenomeno del foliage.
Un viaggio  attraverso l'incantevole Valpolicella, seguendo i suggestivi itinerari che prendono il nome di quel Salgari che parlava di eroi e di corsari neri.
E poi più su, attraverso una selva  tinta dei caldi colori autunnali. Fino al Ponte di Veja, ve lo ricordate?

31/10/11

Caccia al fiorino. Itinerario per bambini in visita a Firenze

A caccia di Fiorini a Firenze
Ci sono tanti modi per visitare una città come Firenze.
Dall'itinerario artistico-culturale che comincia davanti all'imponente cattedrale di Santa Maria del Fiore e prosegue incontro agli straordinari monumenti del centro, fino a quello turistico-gastronomico che tra una ribollita e una pappa al pomodoro svela i meravigliosi sapori della tradizione toscana.
E poi ancora il percorso museale, l'itinerario architettonico, quello naturale, storico, paesaggistico, tutti assolutamente unici e straordinariamente interessanti ma...sono fattibili se si viaggia con dei bambini?

Certamente dipende dal carattere del piccolo viaggiatore, dalla sua capacità di interessarsi ad una statua, una chiesa, un quadro piuttosto che ad un piatto di trippa e ovviamente, dalla capacità dei genitori di coinvolgere il giovane turista. Perchè i bambini, ricordiamolo ancora che non fa mai male, hanno diritto di partecipare al viaggio.
Tra tutti questi itinerari ce n'è uno però che offre a tutti i bambini un divertimento assicurato. Un itinerario-gioco  abbiamo sperimentato grazie all'aiuto di un favoloso amico Simone Frasca, grande autore illustratore  di libri per bambini e della sua bellissima famiglia.

27/10/11

Regali straordinari


Un viaggio di un giorno nel periodo storico che preferite, un cuoco-robot che sa fare delle buonissime patate fritte, una mongolfiera che spara palle di neve, una pozione magica per avere l'età che volete, un giro sulla slitta di Babbo Natale,  una pozione magica che dà gusto di caramella ai cibi che non ti piacciono.

Sono regali straordinari, che fanno sognare di più proprio perchè non esistono... o quasi.
Folli, magici, fantasiosi  fanno sorridere solo a guardarli così magnificamente illustrati sulle pagine di questo libro.

26/10/11

Biscotti di Natale dal mondo

Adoro l'autunno, anche quando fuori c'è il temporale.
La pioggia che disegna sui vetri e le foglie che  guidate dal vento arrivano fino a toccare le finestre. Si tirano fuori chantilly e impermeabili colorati per andare a scuola e il pomeriggio passa tra giochi e ombre cinesi, libri e biscotti.
Perchè l'autunno non ci sono dubbi è anche il tempo dei biscotti.

24/10/11

Autunno in val d'Aosta

Courmayer

E' stato un fine settimana di quelli da ricordare. 
Con un mondo tutto nuovo da esplorare, il freddo bello della montagna e  il calore del camino di un auberge alle pendici del Monte Bianco.
Uno di quei posti ,come dicevo anche qui, per lasciarsi coccolare.

21/10/11

Pomaria 2011. Il video



Se ancora non ne avete avuto abbastanza di sentirmi parlare di mele oggi su Piccolini trovate anche il nostro video...

Noi siamo in partenza per la Val d'Aosta, auguro un buon weekend a tutti!

20/10/11

Ispirazioni di lusso.

Suite dell'Hotel Villa Sassa a Lugano

Il lusso è l'abitudine a consumi di elevata gamma qualitativa e di costo. È uno stile di vita e di comportamento che privilegia l'acquisto e/o il consumo di prodotti e oggetti, spesso superflui, destinati ad ornare il proprio corpo o la propria abitazione. da Wikipedia
Oggi il lusso gode di cattiva fama. 
In un periodo di profonda crisi economica viene identificato con l'inutile, lo spreco, il denaro speso male.
Ma   dimentichiamo per un attimo la definizione di Wikipedia e proviamo ad immaginare un lusso meno immorale. Niente di urlato o eccessivo ma piuttosto  la possibilità  di fare del proprio tempo libero qualcosa di assolutamente speciale. Vivere emozioni dettate dalla dimensione autentica e dall'eccezionalità di luoghi che ispirano al benessere psicofisico, al piacere della tavola, al totale relax che allontana  dal letto da rifare, la casa da pulire, il lavoro, le scadenze.

E qualche volta  allontanarsi con la testa o con il corpo  dai complessi ingranaggi della vita quotidiana può essere rigenerante. Per festeggiare un momento speciale ma anche solo per concedersi il lusso di qualcosa di unico. Fermare per un weekend un mondo che gira troppo velocemente e lasciarsi coccolare, assaporando il piacere della famiglia lontani dalle distrazioni quotidiane.
Ecco allora tre ispirazioni dove lasciarsi andare al lusso di dolci e raffinate emozioni.  

19/10/11

Giochi da auto. Battaglia navale per bambini da stampare



Qualcuno afferma che fu inventato dai soldati russi subito dopo la prima guerra mondiale, altri credono sia una variante di un vecchio gioco da tavolo francese
Sia come sia  è evidente che la battaglia navale è uno dei giochi più diffusi e popolari nel mondo.
Alzi la mano chi non ci ha mai giocato...
La mia prima  Sea battle  l'ho comprata ad  Oxford street a  Londra (e dopo più di vent'anni è ancora perfettamente funzionante) ma ricordo che alle medie strappavamo semplicemente due pezzetti di carta dal fondo del quaderno per passare il tempo durante le noiosissime spiegazioni del povero prof. di tecnica.
 A-1 Acqua, B-5 colpito. D-3 Acqua, B6 colpito e affondato...

18/10/11

Sagra delle castagne in treno a vapore


Festa della castagna a Marradi

Com'è dolce l'autunno colorato dai doni che la natura ci regala. 
Zucche che  vestono la tavola e tingono i piatti di allegria,  mele che scivolano nelle mani del contadino rotolando nei cesti. Le noci crocchiano tra le dita, il profumo del mosto sale dalle cantine e tra poco comincerà la bacchiatura degli ulivi.
Cambiano riti e materie prime ma il fascino è lo stesso: gesti antichi come il mondo, semplici eppure così preziosi da condividere con la famiglia e con gli amici. 
Staccare una mela dall'albero, pestare l'uva nei tini, assaggiare l'olio appena spremuto o togliere una castagna dal riccio.
E l'Autunno è anche il tempo delle Sagre, quelle dei piccoli e grandi borghi che celebrano i prodotti della terra. Come i famosi marroni di Marradi....

14/10/11

Ispirazioni. Quattro idee per un Halloween... da brivido!

Halloween 2010 al Bosco di Museis
Le vetrine dei negozi si riempiono di zucche intagliate, gli scaffali delle pasticcerie traboccano di dolcetti a forma di ragno e i supermercati offrono veri e propri kit per intagliare la zucca.
E’ di nuovo quel periodo dell’anno, quello in cui le pareti di alcune case si coprono di ragnatele e i bambini cominciano a scegliere il costume da indossare alla festa.
Quella di Halloween, che affonda le proprie radici in un passato antichissimo e che viene festeggiata da sempre in America, in Irlanda, in Scozia e da qualche anno anche nella nostra Italia.

E città e  villaggi, musei, parchi e agenzie di viaggi si sono da tempo adeguati a questa nuova usanza offrendo a grandi e bambini eventi di ogni genere. Dall’Halloween a bordo di un battello a veri e propri weekend da brivido. E visto che la Festa coincide con il Ponte di Ognissanti perchè non organizzare per tempo un fine settimana a tema?
Sul sito dei Piccolini oggi trovate quattro mie proposte per un weekend da brivido, ad una delle quale participeremo anche noi. ;-)
E voi vi siete già organizzati per la notte più spaventosa dell'anno?

13/10/11

A Leaf Man's got to go where the wind blows.


Se un anno fa Mounsieur Automne ci aveva  portato le Stagioni di Blexbolex, questo Ottobre è stata la volta dello straordinario Leaf Man, più che una vera storia, un inno alla natura e alla sua bellezza. Un viaggio immaginario, senza cartine nè programmi ma solo il vento ad indicare la direzione.
Fall has come, the wind is gusting, and Leaf Man is on the move. Is he drifting east, over the marsh and ducks and geese? Or is he heading west, above the orchards, prairie meadows, and spotted cows? No one's quite sure, but this much is certain: A Leaf Man's got to go where the wind blows.
Un libro che racconta del viaggio di un uomo foglia e che è esso stesso fatto di foglie che si mescolano, si abbracciano, si accostano, avvicinandosi per dar vita a forme straordinarie.

12/10/11

Pomaria. Il tempo delle mele.Seconda parte

Val di Non
Oh oui. L'automne est arrivé.
A partire dallo scorso fine settimana a Pomaria mi sento  completamente e felicemente avvolta nella nuova stagione. Tra le pagine di libri e agende cominciano a spuntare le prime foglie secche, ritorna l'amato rito del tè pomeridiano  e la sera si legge arrotolati in una coperta, sgranocchiando una noce o una castagna calda..
Cambiano i ritmi, i desideri, i colori. Cambiano i profumi che circondano la casa, quello delle candele, dei mandarini e naturalmente del mulled cider che ieri ha dato ufficialmente il benvenuto alla nuova stagione.
L'ho preparato con il succo di mela comprato a Casez, quello  fatto dai ragazzi dell'Istituto agrario che offrivano a tutti i visitatori una dimostrazione di lavorazione.

10/10/11

Pomaria 2011. Il tempo delle mele. Prima Parte

Pomaria 2011
Salire, quasi perdersi.
Tra le infinite distese di rosso e giallo che disegnano i profili delle colline, corteggiano i castelli,  abbracciano fiumi e laghi avvolgendo ogni possibile spazio coltivabile.
Guidando immersi in una Valle dove è solo Lei a far da Regina, la protagonista di storie d'amore, tentazione, invidia,  generosità, poesia...
Quando addentiamo la tua rotonda innocenza torniamo per un istante ad essere creature appena create (...)Ode alla mela, Pablo Neruda
Perchè le mele in Val di Non sono una cosa seria.
Scandiscono il tempo e le stagioni degli abitanti,  raccontano di antiche tradizioni familiari, sostengono e danno lavoro a migliaia di persone e naturalmente, sono le indiscusse  protagoniste di Pomaria l'evento annuale che  celebra il tempo di un frutto antichissimo.

Dopo che negli ultimi tempi altri viaggi ci hanno tenuti lontani da Casez, quest'anno  era troppa la voglia di partire e andare a vedere. Attraversare di nuovo quella Valle dove quando nasceva un figlio si piantavano meli e dove ogni autunno si riversa il popolo migrante dei raccoglitori...

07/10/11

City Break autunnale



Due o tre giorni a disposizione e tanta voglia di staccare la spina.
Dal mondo che gira sempre più veloce, incastrato nei ritmi frenetici a cui non ci siamo ancora riabituati; e poi quell'aria ancora un po' estiva ma non più afosa, che sembra un invito a partire,passeggiare per nuove strade, alla scoperta del fascino di città capaci di incantare grandi e bambini.


L'Autunno è il periodo ideale per un city break. Una breve pausa dal lavoro, dalla scuola, dal tran tran quotidiano, per rigenerarsi, divertirsi e immergersi nei toni caldi di questa stagione, quelli che avvolgono di incanto anche le grandi città.
Ecco allora tre suggerimenti per una mini fuga autunnale a misura di famiglia, a bordo di un battello sul Danubio, a passeggio tra giganteschi fumetti a Bruxelles o seduti ad ammirare uno spettacolo di marionette nella meravigliosa Praga...
Il resto del post lo trovate su Piccolini mentre tante altre idee qui, qui e qui.
Perdonatemi l'assenza di questi giorni ma ogni tanto una piccola vacanza dalla rete è necessaria. Piccola però, perché sono troppi i viaggi che meritano di essere raccontati insieme ai nuovi che prendono forma. Intanto da domani saremo in Val di Non a cogliere frutti dagli alberi e preparare marmellate. Di mele, ovviamente.... ;-)
E voi siete già pronti per un city break?

04/10/11

Nuova sezione: Viaggiare è (anche) il mio peccato!



C'è Anna che mi manda una bellissima mail per raccontarmi il suo viaggio lungo la strada delle fiabe. C'è Cinzia che mi scrive su facebook del suo viaggio in Danimarca e  Simona da cui ricevo delle bellissime foto della sua famiglia alla Valle delle sfingi. E poi Manuela, Mirella, Sandra, Raffaella,  ma anche Francesco, Marzio, Alberto che dopo avermi chiesto consigli su Istanbul ci ha trascorso una bellissima settimana insieme alla sua bambina di tre anni.
Sono i vostri viaggi, le vostre storie, i piccoli problemi, i dubbi, le paure, le insicurezze ma anche i successi, le vittorie, le vacanze di quelle che non si dimenticano.

Troppo belle per non essere raccontate, troppo utili per non essere condivise.

03/10/11

Weekend alla zucca


Se l'Autunno è la stagione ideale per andare alla ricerca  dell'incantevole spettacolo del foliagenondimeno lo è per vagare di regione in regione a caccia di feste e sagre. Per trascorrere una giornata o un weekend gustando i sapori che ci regala la terra, immersi in un atmosfera di festa, giochi, musica, canti e buonumore.
E' questo infatti il periodo dell'anno in cui  più che mai, nei piccoli e grandi borghi  si celebrano i prodotti della tradizione contadina: dall'uva alle castagne, dal vino al tartufo, le mele, il miele e naturalmente... le  zucche. 

30/09/11

Tesori di viaggio: El Azafran de la Mancha.




Il viaggio non finisce mai. 
Lo scriveva Saramago in uno dei suoi libri  riferendosi all'infinità di cammini insiti in ogni meta.
E si, quanto è vero un viaggio non finisce mai.
Rimane impresso nei ricordi e nella memoria, riaffiora dopo giorni, mesi, anni per riaccendere quell'attimo, quel momento vissuto con intensità, oggi come ieri.
Si insinua attraverso la pelle riempiendola di echi, suggestioni, insegnamenti, fotografie, sorrisi mentre basta una sciocchezza a far da madeleine  e a riportarlo in vita.

E continuare a viaggiare quando si ha un figlio è ancora più bello.

29/09/11

Torre San Niccolò. Un viaggio nella storia di Firenze


Se giocando a viaggiare la geografia può risultare assai più divertente che in un aula scolastica, anche la narrazione degli eventi più importanti del passato, la storia, diviene senza dubbio più affascinante se ascoltata sul campo.
Piazze, monumenti, statue, vicoli e strade della propria città nascondono storie di  impetuose battaglie, freddi complotti , corse al potere ma anche frammenti di vite, amori, talenti, passioni.

27/09/11

La strada di Don Chisciotte



Viveva, non ha molto, in una terra della Mancia, che non voglio ricordare come si chiami,
un idalgo di quelli che tengono lance nella rastrelliera, targhe antiche, magro ronzino e cane da caccia Miguel de Cervantes Saavedra , Don Chisciotte della Mancia

Comincia così il celebre romanzo che racconta le incredibili avventure di Alonso Chisciana. Uno strampalato hidalgo spagnolo che a furia di leggere romanzi cavallereschi si convinse di essere diventato un cavaliere errante.  Una mattina di Luglio sellò un povero ronzino, si trovò un nome importante e munito di lancia e celata partì per vendicare ingiurie, raddrizzare torti,correggere abusi e soddisfare debiti. 
Ma se la follia di Don Chisciotte lo portava a immaginare castelli al posto di locande, dame in luogo di contadine e giganti anzichè  mulini , reali sono invece i luoghi attraverso i quali è passato.
La strada di Don Chisciotte è dunque un itinerario favoloso dove si fondono letteratura, cultura, e naturalmente fantasia. Un viaggio straordinario per vivere un paese in modo intenso vedendolo uscir fuori, quasi per magia, dalle pagine di un libro..

In attesa di ripercorrere insieme ogni tappa di questa leggendaria strada vi lascio con un piccolo video-riassunto...

26/09/11

Organizing

Chi mi conosce lo sa, non sono tipo da stare ferma in spiaggia.
Questo non significa però che non ami il mare, specie quando come in questo periodo, la spiagge sono quasi deserte e l'unica voce che si sente è quella che scivola fuori dalle onde.

23/09/11

Castilla-La Mancha da non perdere. Top Ten




Una domenica pomeriggio, per caso, tra particuliers, vecchie poltrone e cavalli a dondolo. Quel giorno nel Dorset tra immensi campi coltivati,  a cogliere fragole in uno straordinario supermercato en plein air. E poi seduti sull'erba a vedere Pollicina che attraversa il fiume, pedalando sull'argine battuto dal vento insieme a gabbiani e flamants roses o scivolando lungo una strada deserta mentre la radio suona proprio quella canzone...

L'ho già detto sono esperienze che non si dimenticano.
Attimi, minuti, ore in cui si sente un paese scivolarci dentro, il cuore  batte forte e noi siamo davvero lì, senza altro pensiero che vivere quel momento con tutta l'intensità che merita. 

E allora oggi partiamo proprio da qui, un attimo prima di cominciare a raccontare la nostra Mancha. Da questa personalissima hit delle dieci cose da non perdere, che farà poi anche un po' da di indice del nostro straordinario ultimo  viaggio nel cuore della Spagna...

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin