27/02/12

Folon nel giardino delle rose



A due passi da quella torre che nasconde storie di complotti e impetuose battaglie si cela un altro luogo capace di ammaliare grandi e piccoli visitatori disposti a varcare le soglie di un giardino incantato.
Un angolo di verde sopra i tetti della città, un balcone bucolico che a Maggio sboccia nella profumata bellezza di centinaia di rose, oltre ad altre altrettanto variopinte  varietà di fiori.
Ma anche adesso che i rovi aspri lasciano solo intravedere i delicati germogli, il Giardino delle Rose rimane un piccolo paradiso dove fermarsi a leggere, passeggiare, innamorarsi, perdersi nello sfondo di case e palazzi che lontani, sembrano le miniature di una boule de neige.

Firenze, Giardino delle rose
Partir.J.M. Folon, Giardino delle Rose 

Dallo scorso Settembre questo prezioso angolo fiorentino si è arricchito del surrealismo gentile di un'artista creatore di affascinanti città immaginarie dove convivono serenamente gatti, uccelli, centauri, uomini in paltò e bombetta.


Nato nel 1934 in un sobborgo di Bruxelles  e conosciuto  soprattutto per il mondo poetico che popola i suoi acquerelli, Jean-Michel Folon è stato anche scultore capace di alleggerire la pesantezza del bronzo patinato attraverso figure in grado di volare in terre sconosciute, opere che invitano ad improbabili viaggi verso terre sconosciute.
"Non si può illustrare la poesia. Le mie illustrazioni non sono illustrazioni. Le mie immagini vogliono dire soltanto: siate liberi quanto me nella vostra lettura. Davanti alla poesia si è liberi di inventare altre immagini. Perchè la poesia di Prévert, d'Apollinaire o i libri di Giono, Bradbury, Vian e Maupassant aspettano da noi la nascita dei sogni. Ci invitano al viaggio. Quello della fantasia".
Dopo la sua prematura scomparsa nel 2005 alcune statue di Folon sono state donate dalla moglie a Firenze, città che amava profondamente, per essere esposte permanentemente nel Giardino delle rose.


All'esterno, immerse nell'aria che le avvolge, perchè scolpire, per Folon, era tendere trappole alla luce, riuscire ad instaurare un dialogo che sia integrazione armoniosa con l'ambiente circostante.


Folon ha un posto speciale nei nostri cuori.
Lo abbiamo incontrato a Lisbona, Parigi, Bruxelles ma soprattutto lungo la strada che ogni Domenica sera ci riporta a casa.
A pochi passi dall'autostrada si appoggia imperturbabile su una rotonda reggendo il manico  dalla cui punta talvolta si dipartono a raggiera fili d'acqua a formare la cupola di un ombrello.
Tutti i fine settimana di ritorno dal weekend  L'omino della pioggia ci aspetta per appassionate scommesse famigliari. 
"Mamma allora io dico acceso!"
E adesso Folon è anche là, tra quelle bizzarre sculture che invitano al gioco, allo scherzo, alla fantasia.
Riposatevi sulla panchina fuori dal tempo accanto al personnage, accarezzate le Chat e rinfrescatevi alla fontane Vivre e Mediterranèe prima di spiccare il volo sulla città insieme a l'Envol e al sogno di un fantastico viaggio immaginario per grandi e bambini.

Informazioni Pratiche:
Il giardino delle rose si trova a Firenze, a due passi dalla Torre San Niccolò e proprio sotto il celebre Piazzale Michelangelo. E' racchiuso tra viale Poggi, via di San Salvatore, e via dei Bastioni. e una dell'entrate si trova proprio a metà della scalinata di Via Monte alle croci.
Se arrivate in auto potete parcheggiare sul Viale Poggi (altezza civico 2) e salire la breve scalinata fino all'ingresso. Altrimenti potete raggiungere il Piazzale Michelangelo in autobus e poi scendere le scale fino al giardino. Dal centro città il giardino è comunque raggiunmgibile a piedi con una bella passeggiata fino Oltrarno.
Il giardino è ora aperto tutto l'anno dalle 09:00 al tramonto e l'ingresso è gratuito.
Il giardino ospita in via permanente dieci sculture in bronzo e due gessi di J. M Folon.
L'omino della pioggia si trova invece sopra la rotonda davanti al teatro Saschall subito prima dell'ingresso dell'autostrada Firenze Sud.
Cani ammessi

13 commenti:

  1. e' bellissimo

    viviana

    RispondiElimina
  2. L'omino della pioggia mi è familiare e simpatico (per anni ho viaggiato come pendolare verso Firenze)...non sapevo dell'esposizione di sue altre opere presso il giardino delle rose, alla prossima occasione non mancherò di colmare tale lacuna!

    RispondiElimina
  3. Sono incantata dalle tue foto, deve essere davvero un posto magico! Mi sa che in Primavera dobbiamo proprio fare un salto a Firenze!

    RispondiElimina
  4. Aggiunto ai Dinosauri in carne ed ossa,alll'itinerario gioco, alla merenda da cucciolo e a tutti gli altri fantastici consigli che ci hai dato. Firenze aspettaci!!!!!
    Anna

    RispondiElimina
  5. che belle sculture, bella meta x un viaggio

    RispondiElimina
  6. che belle sculture, bella meta x un viaggio

    RispondiElimina
  7. Sembra così poetico,
    grazie per avercelo fatto conoscere!
    Un bacio,
    Amy

    RispondiElimina
  8. Che bello, non lo conoscevo questo giardino!!! Visto che la primavera sta arrivando, ci andremo presto! Grazie!

    RispondiElimina
  9. NON SAPEVO DI QUESTO POSTO, E PENSARE CHE ABITO VICINO FIRENZE :))

    RispondiElimina
  10. Un motivo in più per tornare a Firenze! Non vedo l'ora!

    RispondiElimina
  11. Adoro Folon! Penso che proporrò alle bimbe qualche sua immagine e di certo gli farò vedere il tuo post.Grazie per gli ottimi suggerimenti

    RispondiElimina
  12. @Viviana: Si, una vera meraviglia. Le statue e la vista su Firenze ne fanno un autentico gioiello. Chissà come sarà in Maggio con le rose fiorite...
    @Serenamanontroppo:Davvero? Si per noi è ormai uno di famiglia!:-)
    @Marta:Grazie! Si, si ti consiglio Maggio, con il pieno della fioritura deve essere davvero un incanto!
    @Anna: Ma dai!! quando venite?
    @CioccoMamma: I love Florence!<3<3<3 :-)
    @Amalia: Grazie cara, un bacione!
    @Laura: Si, guarda merita davvero! Vista stupenda e poi le statue di Folon che piacciono un sacco ai bambini!
    @CodiceNina: Tranquilla perchè tanto è sempre così, i luoghi più vicino a noi sono quelli che conosciamo meno. E vale assolutamente anche per me!
    @Letizia: Ti aspetto!:-)
    @Argelide: Mi fa tanto piacere!

    RispondiElimina
  13. Questo posto è davvero incantevole��ci sono centinaia di varietà di piante, statue bellissime e si gode una veduta di Firenze meravigliosa!

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin