Il Parco dei Mostri di Bomarzo


Questa storia comincia alcuni secoli fa e, come mi è stata narrata, voglio raccontarla a te.
Ai piedi del paese di Bomarzo si estendeva una fitta boscaglia abitata da giganti, enormi tartarughe, draghi, elefanti e creature fantastiche...
da Il Vampirino di Bomarzo di A. Branca

Dopo aver fatto i biglietti ci si inoltra in un piccolo viale alberato che conduce alla porta attraverso la quale si entra nel parco.

Un  luogo  dall'aspetto misterioso e a tratti quasi inquietante che nasconde sentiero dopo sentiero, straordinarie e mostruose sculture.
Fu il Principe Orsini a volerlo nel 1552, aiutato dal celebre architetto Pirro Logorio che fece scolpire gli enormi blocchi di pietra vulcanica che punteggiavano il bosco.
Ne emersero sculture mostruose e fantastiche ispirate alla storia e alla mitologia e che proiettano immediatamente il visitatore, parafrasando Zevi,  in un ingranaggio di sensazioni capaci di sopraffare emotivamente.
Ci sono  l'elefante, l'orco, le sfingi, i giganti, la tartaruga che fissa le fauci spalancate di un orribile bocca  che compare magicamente dal fossato antistante.
C'è tutto quello che può far la gioia di un bambino in quell'età in cui i misteri  accendono inevitabilmente  la fantasia e invitano a raccontare storie, giocare, fingere di attraversare un bosco popolato di impressionanti mostri, da scovare tra arbusti e piante che rivelano precocemente  i primi segni dell'autunno.


Un autentico bosco delle meraviglie capace di divertire e sorprendere, spaventare e disorientare. Come la casa pendente costruita su di un masso inclinato e dove si può entrare per trovarsi improvvisamente confusi e meravigliati.


O ancora l'impressionante Orco, quello che nel libro di  Branca è la casa del simpatico Leonildo e che ispira burle e facezie, scherzi e risate.

Ma il Parco non è solo il pretesto per fantasiosi voli, illusioni e fantasticherie ma anche l'occasione per raccontare ai nostri figli alcuni dei più affascinanti miti greci e romani come quello di Glauco, Scilla e la Maga Circe o ancora la ninfa dormiente,  Persefone, Ercole e Caco  racchiusi nei capolavori di questo bosco incantato.

Pare che il Principe lo abbia voluto sol per sfogare il core oppure come dice lui stesso in una delle tante iscrizioni che compaiono nel Parco, per mostrare meraviglie alte e stupende.
E se è vero che la verità rimane ancora un mistero questo gigantesco palcoscenico  continua ancora oggi a stupire il mondo con i suoi  mostri di pietra e creature immaginarie.

Informazioni Pratiche:
Il Parco dei mostri di Bomarzo si trova nel Lazio a circa venti chilometri da Viterbo e pochi passi dall'Umbria.
Davanti alla biglietteria trovate un ampio parcheggio gratuito e all'interno un piccolo bar, un negozio di souvenir e un parco giochi per bambini.
Il biglietto (10 euro per adulti e 8 per i bambini) è a mio avviso un po' caro, ma al di là di questo merita in ogni caso una visita. Al negozio di souvenir potete acquistare oltre che una guida del Parco anche il libro del vampirino di Bomarzo che vi consiglio di acquistare prima  online o in libreria perchè è davvero divertente ritrovarne i luoghi durante la visita al Parco.
Il vampirino di Bomarzo di Armido Branca
I cani non sono ammessi. All'esterno ci sono due grandi box, dove (se avete il coraggio) potete lasciarli. Noi abbiamo preferito lasciare Charlie nell'appartamento che abbiamo prenotato per il weekend.
Per visitare il Parco dei Mostri occorre circa 1ora 1 ora e mezzo.
Mappa del Parco
Dove dormire:
Il Villaggio del Sole
Sono felicissima di potervi consigliare questo piccolo paradiso che abbiamo scoperto e che è davvero in posizione ideale per visitare Bomarzo (7 chilometri) e questo incantevole angolo tra Umbria e Lazio.
Il piccolo villaggio che ha  aperto solo lo scorso anno  si trova nei pressi della graziosissima Giove ed è completamente immerso del verde. E' stato meraviglioso correre sui prati intorno alla piscina e prendere un aperitivo tutti insieme al tramonto seduti nel dehors dell'appartamento dopo una giornata in giro "da turisti".
 
Abbiamo raccolto le foglie e passeggiato tra i filari delle vigne, chiacchierato con il gentilissimo Paolo che ha coccolato Charlie e ci ha regalato le noci raccolte dall'albero e seguito i suoi ottimi consigli  su cosa visitare e dove mangiare.
Prezzi più che accettabili!
E a  proposito di mangiare consigliatissimo il Ristorante Da Piero a Giove.
Non lasciatevi ingannare dall'aspetto semplice dell'interno. Appena seduti il cameriere vi chiederà se volete l'antipasto e non smetterà di portarvene sempre di diversi fino a che non sarete voi a dire basta. Ho letto sui tripadvisor che qualcuno è arrivato a dodici. Noi ci siamo fermati a sei e credetemi, pensavo di scoppiare.
Da non perdere come dessert il cannolo e la crema catalana.
Se vi trovate lì per il weekend non lontano c'è l'Oasi  del wwf di Alviano con un bel percorso a piedi tra paludi, stagni e il lago e naturalmente tutta l'Umbria a due passi. Noi questa volta abbiamo siamo andati alla scoperta di Narni e del suo medioevo, ma questa è un'altra storia...
******
Per chi aspettava il post sull'houseboat lo trovate nel blog domani mattina.
E voi come avete festeggiato l'arrivo dell'autunno?

Commenti

  1. Ciao Daniela mi presento: mi chiamo Simonetta e ho un adorabile maschietto di quasi cinque anni. Vivo a Perugia e adoro il tuo blog perchè ci trovo sempre tantissime idee per il fine settimana, in casa o fuori. Non ti ho mai scritto, più per timidezza che per altro ma oggi volevo ringraziarti perchè oltre ad avere trascorso una bellissima vacanza in Danimarca tra favole e vichinghi proprio grazie ai tuoi consigli trovo l'idea perfetta per il prossimo weekend. Verrà a trovarci mia sorella che vive all'estero con la sua famiglia e volevo portare i bambini a vedere qualcosa di particolare. Ecco, grazie a te l'ho trovato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simonetta grazie mille, sono davvero contenta di conoscere qualcuno di quelli che di solito mi leggono in silenzio! E naturalmente sono felicissima di averti suggerito un'idea per il weekend!:-) Un carissimo saluto e a presto!

      Elimina
  2. Parco stupendo..ci siamo andati quest'estate e il mio bimbo era felicissimo in questo bosco....se penso che e' stato per anni abbandonato e lasciato nell'incuria....meno male che l'anno ristrutturato.....tanti baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione! Però pensa che un mio amico che c'è stato tantissimi anni fa mi ha detto che il fatto di non essere curato donava al Parco un atmosfera ancora più suggestiva!In pratica ti ritrovavi "i mostri" davanti quasi all'improvviso nel mezzo di una vera e proprio giungla!!:-) Un bacione anche a te!

      Elimina
  3. adoro il parco di Bomarzo..... è un divertimento per piccoli e meno piccoli

    RispondiElimina
  4. Bello! Me lo segno tra i posti da visitare :) !
    Volevo chiederti, l'albergo di cui parli nei mercatini di natale alle pendici di un monte in Germania come si chiama? C'è la foto ma non riesco aleggere bene il nome! È che stiamo dando un'occhiata per i mercatini e prima pensavamo Innsbruk, ora ci è venuta voglia di aggiungerci anche Monaco e se ho capito bene questo albergo dovrebbe più o meno stare nel mezzo? Grazi grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, ho capito quale dici, si mi pare fosse proprio a metà anche se appunto in cima ad una specie di monte!:-) In questo momento mi sfugge il nome ma ce l'ho sicuramente nel diario di viaggio. Stasera guardo e te lo scrivo!!
      P.S Monaco per Natale è una vera meraviglia!! Non posso che condividere l'aggiunta!:-)

      Elimina
    2. Bello...è una delle prime escursioni che ho fatto con i bambini..quanti ricordi.....

      Elimina
    3. Grazie cara :) ! Così gli do un'occhiata :) !

      Elimina
    4. Allora l'Hotel si chiama Sirth ed è a Garmish-Partenkirchen alle pendici del monte Zugspitze. La cosa pazzesca è che non esiste più sito internet o meglio seconde me è cambiata gestione e anche nome. Ho provato a cercare anche su booking dove l'avevo prenotato e inserendo la destinzione ne ho trovato uno che mi sembra proprio quello, solo con altro nome e probabilmente vari lavori di restauro. (Considera che era il 2008!) Sono quasi sicura perchè una delle foto della camera mansardata mi sembrano tali e quali alla nostra anche se non trovo immagini di quel bel finsetrone che c'era nella sala colazione. In ogni caso te lo linko, è questo qua e lo trovi anche su booking.http://www.hotel-schatten.de/
      Come distanze è 1 ora e un quarto circa da Innsbruck e 1. 24 da Monaco!

      Elimina
    5. Ma grazie!!! Ti è toccata fare pure una ricerca, dove la trovo una guida viaggi meglio di te :) !
      Anche io spesso penso che Fede ed Chiara sono cresciuti tanto in fretta...e sapessi quanta paura fa anche a me ;) ! Un abbraccio e grazie ancora!!!

      Elimina
  5. l'autunno si e' portato via un dentino di Emma e abbiamo festeggiato con una torta di mele uva cannella, la casa profumava di buono! Fantastico questo parco...la nostra bella Italia nasconde tesori, ma dove li scovi ? Di la verita' sei a meta' strada fra una fata e una strega buona e hai una sfera di cristallo nascosta nella cuccia di Charlie?
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh il dentino! Ma lo sai che qui è rimasto solo il mio a non aver perso niente? tutte le sere mentre si lava i denti faccio il controllo "dondolamento" ma... niente!! Chissà com'era contenta!!
      Accidenti ora mi è venuta voglia della torta di mele!! "Esigo" la ricetta:-) Hihihi non sarebbe male una bella sfera nascosta nella cuccia di Charlie ma per adesso riesco a scovarci solo infinite ammasse di pelo!!:-) Un bacio grande a tutta la famiglia!!

      Elimina
  6. Leggo il tuo sito da un pò di tempo e sto ritrovando qui non solo il piacere di trascorrere i weekend in posti sempre diversi, (anche se a volte solo virtualmente attraverso le tue parole!!), ma anche molte emozioni che spesso tengo per me, la bellezza delle piccole cose, come raccogliere le foglie insieme ai nostri figli.......ho una bimba di 4anni e con lei ogni cosa si trasforma in un gioco fantastico!.....buona serata, Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Giovanna non sai quanto mi fa piacere!! Grazie...

      Elimina
  7. Bello! Conoscevo la storia di questo parco, ma non ci siamo mai stati! segnamo...(lista ormai lunghiiiiiisssima!!!!!!)
    noi siamo stati un pò male (i grandi non i piccoli!) e non abbiamo fatto gite, ma domenica pomeriggio coi piccoli mi sono goduta Brave -Ribelle, il nuovo film Pixar, con paesaggi scozzesi (meravigliosamente riprodotti!) e personaggi un pò gotici e molto "autunnali"!!!!
    ah si....poi abbiamo festeggiato l'arrivo del "mini" Tommy da Italia in Miniatura!!!!!! S T U P E N D O! :)
    (P.S.: saranno le foto ma AJ mi sembra così cresciuto! un ometto....tenerissimo con Charlie!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh mi dispiace!! sarà questo tempo così ballerino!! Ecco, Brave è nella nostra lista delle cose da fare/vedere/ etc. e pensa che ancora non siamo riusciti ad andare a vederlo!! Ma questa settimana non ci sfugge! Anche a noi è arrivato Youmini e volevo proprio chiedertelo!! Domenica sera ho trovato il bigliettino che era passato il corriere e ieri mattina è arrivato! Si, è bellissimo!!
      Ma lo sai che hai ragione? Anche io ultimamente lo guardo e lo trovo così... grande!!E... beh forse sai cosa intendo ma... mi fa paura!!;-)

      Elimina
    2. Lascia stare!!! ogni mattina prendo il treno coi ragazzini ai primi anni delle superiori e mi resta addosso proprio la stessa sensazione.....paura!!!!! paura di non essere pronta, paura di perdermi delle cose....vabbè basta che poi mi commuovo!!! oggi vado a casa e me li stritolo tutti!!!!! :)

      Elimina
  8. Eccomi sarà l'autunno o i tuoi post che sono sempre più belli ma è venuta voglia anche a me di presentarmi! Mi chiamo Gloria, vivo in provincia di Roma e ho due diavoletti, Sara di 5 anni e Mattia di tre ! Sei per me un appuntamento ormai quotidiano e ho preso più volte spunto dai tuoi viaggi. Anche noi amiamo andare alla scoperta dal mondo ogni volta che possiamo ma anche da casa, ci piace giocare con la fantasia e qui trovo sempre tante idee bellissime! Mi piace leggerti perchè mi fa stare bene, tu sai sempre vedere la bellezza non solo nei grandi viaggi ma anche nelle piccole cose ed è proprio questo che vorrei insegnare ai miei figli. Ha ragione Raffaella, il tuo Aj è davvero cresciuto!!!E Charlie quanto è bello! Mia figlia ogni volta che vede le sue foto (si anche lei adora il tuo blog!!)dice, mamma lo voglio anche io!!
    Gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Gloria grazie grazie davvero di cuore!!

      Elimina
  9. Non riesco a fare "rispondi"...
    beh x Emma è il nono dente perso...non ho delle figlie ma due squaletti: a noi prima cresono i denti nuovi (anche a Chiarina) e poi cadono i vecchi!!!
    Torta: 80gr di biscotti tipo Digestive tritati + un cucchiaio di cacao in polvere. Mele private del torsolo tagliate a fette e acini di uva.
    4 uova 120gr di zucchero 250 farina un bicchiere di latte 2 bustine di lievito. Prepari la base della tortiera imburrata e spolverata di biscotti tritati quindi le mele e nel buchino l'uva spolverata di cannella. Fai altri due strati con biscotti mele uva e cannella.
    Separi i tuorli e li amalgami a latte zucchero farina e lievito, mi erano avanzati i biscotti sminuzzati e li ho aggiunti all'impasto, unisco gli albumi montati a neve e verso il tutto sopra gli strati di mele. Infornato x 40 min a 180. Una delizia!Un abbraccio a tutti Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione, anche io faccio fatica a fare rispondi perchè mi si incanta...
      Che stupida che sono, si vede che stamani mattina mi sono alzata all'alba!-) Ho confuso Emma con Chiarina... beh si Emma in effetti ormai sarà in confidenza con la fatina dei denti!!:-)
      grazie mille per la ricetta, ti faccio sapere come è venuta!!

      Elimina
  10. Bellissime quante idee suggestioni sai darci, ancora una volta un grazie di cuore

    RispondiElimina
  11. Il posto merita di essere visitato....ma guardatevi bene dal presentarvi con una videocamera...non mi è stato permesso entrare perchè avevo un "cavalletto" (secondo loro), ho passato 15 minuti a cercare di spiegare alla tizia all'entrata che non era un cavalletto ma uno steadicam, ma niente.
    Mi è stato detto che non possono essere fatti video a scopo commerciale, ho cercato di far capire che non era il mio intento, mi sono offerto perfino di regalare il girato con tanto di montaggio, ma niente.
    Ricorderò "Parco dei Mostri" con lieve disprezzo, non poter portare a casa un ricordo della giornata mi ha infastidito non poco.
    SPERO CON TUTTO IL CUORE CHE IL SISTEMA AVIDO E FAMELICO CHE AVETE NEL GESTIRE QUESTO PARCO VI SI RITORCA CONTRO!!!

    RispondiElimina
  12. PgoPlayvende e affittagiochigonfiabili per piscine, ristoranti, montaggio giochi, playgrounall'aperto e da interni.

    RispondiElimina

Posta un commento