25/09/12

Vacanze in Houseboat



Ieri mattina riguardavo le foto dell'ultimo viaggio in Alsazia. Quello a bordo del Bill Ballantine, navigando di villaggio in villaggio lungo il canal de la Marne au Rhin.Ho pensato ancora una volta alle infinite emozioni che regala un viaggio in houseboat, a quel misto di eccitazione ed euforia,  a quel batticuore che ti sorprende il primo giorno a bordo, al piacere  di viaggiare con lentezza, tutti insieme, scoprendo le meraviglie di un'avventura entusiasmante, divertente, magica... 


 

Ho rivisto i bambini giocare sul tetto della barca mentre noi grandi chiacchieravamo, prendevamo il sole, o ci perdevamo nello straordinario paesaggio che avvolge il canale. 

 

Ho sentito la brezza che sfiora il viso, i profumi della campagna e quello della baguette calda alla mattina; 

quel groviglio allo stomaco quando ti ritrovi davanti alla prima chiusa e poi il sapore della vittoria, quando ti accorgi che dopotutto, come mozzo non sei affatto male... Eccomi qua dunque, a scrivere un piccolo elenco di tutto quello che è utile sapere prima e durante il viaggio. Come scegliere la barca e la meta, lo svolgimento della crociera e altri consigli che spero vi saranno utili se anche voi state pensando di partire per questa favolosa avventura.
Ma cominciamo dall'inizio.

Perchè scegliere una vacanza in houseboat?

Non è un viaggio on the road di quelli dove si cambia hotel ogni giorno ma nemmeno una vacanza statica. Non è una settimana di relax ma neppure di quelle con lo sguardo fisso all'orologio e il programma sempre in mano.
Una vacanza in houseboat è un po' di tutto questo e molto di più.
E' un viaggio che vi permette di trascorrere la maggior parte del tempo lontano dal traffico, dal caos delle grandi città, perchè è un lento navigare in mezzo alla natura, senza scadenze e senza fretta con la possibilità di fermarsi ovunque e in qualunque momento.
Basta un giro di fune alla bitta per improvvisare un aperitivo con i compagni di viaggio, un giro in bicicletta  o una passeggiata per uno dei tanti piccoli villaggi che costeggiano il canale.


Si sceglie una vacanza in houseboat perchè si mangia, dorme, gioca, vive per un weekend o una settimana in una barca. E non è forse questa una meravigliosa avventura?

Si può cenare sul tetto o fare colazione con le porte aperte mentre la luce si insinua nel canale e gli alberi prendono il posto delle mura. Si può andare alla scoperta del mondo lasciando il tempo per giocare tutti insieme, la sera, dopo una giornata trascorsa a navigare.

Abbracciarsi guardando il tramonto e addormentarsi in cabina mentre il dondolio dolce delle acque muove la barca lentamente e i bambini sognano avventure di pirati e tesori da scoprire.

E la mattina, c'è sempre qualcosa di entusiasmante da scoprire...

Come scegliere la barca e l'itinerario

Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad una agenzia specializzata in viaggi in Houseboat dove sapranno darvi tutte le informazioni di cui avete bisogno, oltre che utili consigli sulla scelta della destinazione, l'itinerario approssimativo e il tipo di barca.
Ci sono canali più adatti ai principianti, altri preferibili quando si ha già qualche esperienza. Destinazioni adatte per chi ama la pesca, altre più indicate per i paesaggi e i villaggi caratteristici. La Francia in particolare offre un'infinità di possibilità adatte a tutti.
Attenzione, per guidare questo tipo di imbarcazione non occorre averela patente nautica ma è sufficiente un breve corso che vi verrà fatto direttamente al vostro arrivo. Verrete istruiti sulla guida, sul funzionamento della barca e delle manovre da effettuare quando entrate in una chiusa.

Noi abbiamo provato sia il Canal dui Midi che quello de la Marne au Rhin in  l'Alsazia e devo dire che ho trovato quest'ultimo addirittura più semplice, meno trafficato e con il canale più "comodo". Entrambi  comunque adattissimi a chi è alle prime armi.
Per quanto riguarda il tipo di imbarcazione sul sito trovate i differenti modelli disponibili con immagini dettagliate. A differenza di quello che si può pensare gli spazi all'interno sono davvero ampi. 
Un esempio 

Svolgimento del viaggio

Una volta scelto la base di partenza e il tipo di barca il più è fatto. 
Una volta prenotato vi verrà consegnato un manuale in cui troverete le prime nozioni di guida e che vi sarà utilissimo per un primo approccio teorico.
Arrivato il momento di partire si raggiunge la base di partenza del paese scelto dove vi verrà consegnata la barca e spiegato tutto quello che è necessario sapere.
Uno degli istrutttori vi accompagnerà poi per una prova pratica e solo nel momento in cui vi sentirete pronti, vi lascerà liberi di partire per il vostro viaggio.
Attenzione: non dovete assolutamente programmare in anticipo i vostri spostamenti!
Insieme al manuale riceverete una sorta di cartina con le indicazioni delle chiuse, gli attacchi per corrente e acqua i villaggi, i supermercati, i ristoranti, le mete consigliate.
Siete voi che decidete liberamente giorno dopo giorno quanto tempo navigare  se e quando fermarvi. 
Le direzioni sono ovviamente solo due ma potete decidere ad esempio di navigare tre giorni verso Nord e poi tornare indietro e fare altri tre verso Sud. 
Sulla mappa è indicato anche il tempo necessario tra un paese all'altro perciò vedrete che è semplicissimo organizzarsi.
Potete navigare un'ora sola oppure sei, dipende solo da voi.
Le chiuse

Se in principio le chiuse sono il terrore degli apprendisti marinai superate le prime quattro o cinque scoprirete che sono persino piacevoli. Nelle chiuse si socializza con le altre barche, ci si mette alla prova, si ride, si scherza, ci si sente parte di un equipaggio. 
Ci sono chiuse automatiche custodite dal guardiano e chiuse che dovrete aprire da soli, semplicemente tirando una corda ( e vi dirò che se in un primo momento mi spaventava l'idea alla fine sono quelle che preferisco perchè sei più autonomo e puoi regolare i tempi facilmente da solo). 
Ma cosa sono le chiuse?
Si tratta di un ingegnoso meccanismo che permette di risolvere il dislivello naturale del canale. 
Una volta entrati nella chiusa la paratoia (la porta) si chiude e il livello dell'acqua sale o scende a seconda che si vada in salita o in discesa. Una volta che l'acqua ha raggiunto l'altezza del secondo tratto di acqua la paratoia si apre e si può continuare la navigazione.
In questa fase ciascuno dei marinai ha un preciso compito che in realtà è molto semplice ovvero tenere accostata la barca alla sponda e lasciare lente le cime in modo che possa agevolmente scendere o salire. Se teoricamente bastano solo due persone, l'ideale è essere in tre.

Cani a bordo
I nostri amici a quattro zampe sono ben accetti a bordo. Charlie alla sua seconda esperienza ha seriamente apprezzato la vita da cane marinaio!:-)

In quanti partire?
Se teoricamente  si può partire anche solo in due, consiglio caldamente di partire per una vacanza in houseboat almeno con un'altra famiglia. 
In quattro tutto diviene più semplice e rilassante. Ci si può alternare alla guida, ci si dà una mano nelle chiuse  e i bambini più piccoli che ancora non possono aiutare nelle manovre possono giocare serenamente insieme.
In questa seconda esperienza Caterina e la sua bella famiglia sono stati con noi per qualche giorno e beh... è stata davvero una vacanza entusiasmante!

Infine non dimenticate di noleggiare delle bici, comodissime per muoversi liberamente lungo il canale e per andare alla scoperta dei paesi all'interno.
Per il resto godetevi il viaggio e vedrete che sarà una vacanza da favola per tutta la famiglia!

Links e Informazioni Pratiche
E appena riesco a velocizzare il mio lentissimo Pinnacle avrete anche il video che ho girato come inviata proprio per FPP Travel.

E voi avete mai fatto una vacanza in Houseboat? Pensate sia un viaggio che potrebbe piacervi?
********
Aggiornamento estate 2014
Fpp Travel offre uno sconto del 20% sulla vostra vacanza in houseboat per tutti i lettori di mammagiramondoche prenotano entro il 10 Luglio 2014. Per questa e altre promozioni (date un'occhiata anche ai last minute), vi rimando al sito ufficiale.
Codiceper lo  sconto:
mammagiramondo-canalous14 

19 commenti:

  1. Ci piace!! ;)
    Caterina

    RispondiElimina
  2. Mi aveva già incantato il tuo racconto precedente. Alla mia canaglietta piacerebbe un sacco mentre quando l'ho proposto alla dolce metà ha storto un po' il naso. Mi avevano un po' dissuaso i prezzi... probabilmente se si partisse in due famiglie ben collaudate si ammortizzerebbero meglio le spese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, il vantaggio di andare insieme ad un'altra famiglia è anche questo. Tra una barca e l'altra non ci sono grosse differenze e dividendo in due si ammortizza molto la spesa!.

      Elimina
  3. prima o poi ci vado!!!
    questo post è bellissimo e risolve molti dei miei dubbi! grazie carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta carissima, e per qualunque altra informazione conta su di me!!

      Elimina
  4. La nostra sorpresa è arrivata, devo trovare 2 min x scrivere un post!!!
    Un bacione Elisa

    RispondiElimina
  5. Si, ci piacerebbe decisamente un viaggio così :)
    Non conoscevo le houseboat, ci hai regalato un piacevole spunto!

    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda è davvero un'esperienza da fare almeno una volta nella vita!! C'è un bel video sul sito, vai a dargli un'occhiata!

      Elimina
  6. Tu sei la mia grande fonte di informazioni!! Da anni vogliamo fare questo tipo di esperienza. Prima aspettavamo che Ricky fosse grande a sufficienza, e adesso c'è Vale che ancora non nuota... Ho letto che si può fare questo tipo di vacanza anche passando a Venezia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, guarda il fatto di sapere nuotare non è affatto indispensabile perchè nei canali il bagno non si può fare!:-)
      Si, è vero, anche se secondo me per navigare in laguna occorre un po' più di pratica!

      Elimina
  7. Grazie per il tuo bellissimo racconto che da tanto aspettavo. Quest'estate anche noi siamo andati (con un'altra famiglia) a fare un viaggio in house boat e ci è piaciuto molto! (nella Loira)Eravamo 4 adukti e 3 bambini ed è stata una esperienza molto divertente!
    lucia

    RispondiElimina
  8. Ci è venuto in mente di fare una vacanza last minute in houseboat nella laguna di Venezia, cercavo consigli ed esperienze e guarda un po'...finisco sempre qui da te ;-)
    Che mi dici di Chioggia-Chioggia in 7 giorni e con due bambini di 6 e 4 anni? Sono convinta che per loro sarebbe entusiasmante ed io lo sogno da un sacco di tempo!
    Ma sono un po' in dubbio sulla location ma organizzare ora per la Francia o per l'Irlanda è impossibile. Resto in dubbio anche sull'utilizzo dell'energia: mi hanno detto che non c'è generatore sulla barca disponibile e che le batterie che si ricaricano con il motore durante le ore di navigazione è sufficiente per tutto...tutto sarebbe?Frigorifero, luce di notte, presa per ricaricare il telefono? O forse i moli sono attrezzati come le piazzole dei campeggi con possibilità di attaccarsi alla luce, ma allora in quel caso sarebbero a pagamento mentre apparentemente gli attracchi sono tutti gratuiti. Accidenti, vorrei proprio prendere al volo questa offerta....

    RispondiElimina
  9. Wow! That's an amazing way to pass a vacation. The views is fantastic and the boat in absolutely awesome.

    RispondiElimina
  10. Stiamo organizzando anche noi ancora un po indecisi sulla meta. In francia c'è troppa scelta. Partiamo in 8 e non vedo l'ora. Ormai sei la mia musa ispiratrice...

    RispondiElimina
  11. Ciao!
    Un'informazione
    Siamo 2 adulti e 2 bambini (7 e 2 anni)
    Secondo te è fattibile prendere una houseboat?
    Oppure è difficoltoso secondo te gestire tutta la situazione ???
    Grazie, Paolo

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin